Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Abruzzo | Fondo Menzietti | Canti e danze per organetto

Canti e danze per organetto (2)

Testimonianze di canti e danze per organetto diatonico

  • Genere Filmato
  • Filmato

  • Descrizione

    Un filmato realizzato presso la Premiata Fabbrica d'Armonici Cav. Giuseppe Ianni & Figli (dal 1882) che documenta l'intero processo di realizzazione dell'organetto diatonico. La fabbrica di può vantare ancora una produzione totalmente artigianale con esportazioni anche all'estero. Fu Francesco Ianni, falegname, che sul finire del 1882, tornando da un pellegrinaggio a Loreto, riportò a casa un organetto e tentò di riprodurlo apportando delle modifiche allo strumento originario: l’inserimento prima di due e poi di tre tasti più piccoli degli altri (chiamati vocette) sulla tastiera del canto, in modo di consentire esecuzioni musicali più fluide e veloci. Cominciò a lavorare assieme al fratello con il quale l’organetto fece un salto di qualità anche tecnico, con il raddoppio delle file dei bassi: due file di bottoni d’osso fatti a mano. Nel 1888 la ditta Giuseppe Ianni entra nell'albo dei commercianti e conosce notevole espansione anche all’estero, grazie al tramite degli emigranti italiani in America. Nel 1890 laboratorio e famiglia si trasferiscono dalla loro sede originaria di Villa Ianni a Giulianova dove risiede tutt’ora. Le riprese e il montaggio del video sono di Roberto Ferrilli.

  • Durata 24:58
  • Data Giovedì, 31 Ottobre 2002
  • Luogo Giulianova
  • Provincia Teramo
  • Regione Abruzzo
  • Autore Alessio Menzietti

  • Genere Filmato
  • Filmato

  • Descrizione

    Un filmato realizzato presso la Premiata Fabbrica d'Armonici Cav. Giuseppe Ianni & Figli (dal 1882) che documenta l'intero processo di realizzazione dell'organetto diatonico. La fabbrica di può vantare ancora una produzione totalmente artigianale con esportazioni anche all'estero. Fu Francesco Ianni, falegname, che sul finire del 1882, tornando da un pellegrinaggio a Loreto, riportò a casa un organetto e tentò di riprodurlo apportando delle modifiche allo strumento originario: l’inserimento prima di due e poi di tre tasti più piccoli degli altri (chiamati vocette) sulla tastiera del canto, in modo di consentire esecuzioni musicali più fluide e veloci. Cominciò a lavorare assieme al fratello con il quale l’organetto fece un salto di qualità anche tecnico, con il raddoppio delle file dei bassi: due file di bottoni d’osso fatti a mano. Nel 1888 la ditta Giuseppe Ianni entra nell'albo dei commercianti e conosce notevole espansione anche all’estero, grazie al tramite degli emigranti italiani in America. Nel 1890 laboratorio e famiglia si trasferiscono dalla loro sede originaria di Villa Ianni a Giulianova dove risiede tutt’ora. Le riprese e il montaggio del video sono di Roberto Ferrilli.

  • Durata 12:17
  • Data Giovedì, 31 Ottobre 2002
  • Luogo Giulianova
  • Provincia Teramo
  • Regione Abruzzo
  • Autore Alessio Menzietti