Archivio Sonoro

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Leydi-Campania | M. Cuocco, Acerra 1983

M. Cuocco, Acerra 1983 (11)

isòvnxklm

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Breve frammento di ninna nanna. La registrazione non documenta l'intera esecuzione e si interrompe per qualche secondo.

    Data: 1983

  • Durata 00:20
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Testo: Nonna nonna nunnarella
    E' venuto 'o lupo ccà
    S'è mangiato 'a pecurella
    Pure a Paolo se vo mangià

    (nella ripetizione viene cambiato il nome del bambino in Antonio)
    Breve esecuzione vocale femminile di una ninna nanna.

    Data: 1983

  • Durata 00:44
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Breve esecuzione di una canzonetta (probabilmente attinta dal repertorio della canzone napoletana) con tematica primaverile-amorosa: si allude alle fragole, alle ciliegie e al mese di aprile che trase (entrante, che ha inizio), quindi al periodo della primavera, quando ci si può dimenticare del passato ma non del proprio amore ("ma chi se scorda e te?").

    Data: 1983

  • Durata 00:49
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione monodica che sembra riunire una serie di cantilene dialettali profane, dedicate alla Madonna e ai santi. La registrazione si interrompe prima della fine dell'esecuzione.

    Data: 1983

  • Durata 01:43
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Breve orazione dialettale dedicata a Sant'Antonio detto "di Padova" o "da Padova", poiché a questa città è legata l'opera di proselitismo, ma nato a Lisbona, in Portogallo. La parte iniziale del testo recita : "Sant'Antonio ra Padova veniste/ 'U giglio a Gesù Cristo purtaste/ Tridice grazie aviste/ E tridice ne faciste" (Sant’Antonio da Padova venisti / Il giglio a Gesù Cristo portasti / Tredici grazie avesti / E tredici ne facesti". Il giglio nell'iconografia antoniana rappresenta la purezza del santo e la sua lotta contro il demonio. Le "tredici grazie" sono quelle che, secondo la leggenda popolare, San'Antonio realizza ogni giorno. Ricordiamo che il numero “tredici” è legato tradizionalmente al santo “padovano” per diversi motivi: oltre alle tredici grazie, la ricorrenza del santo si festeggia il 13 giugno e in suo onore c'è poi la "tredicina" al posto della classica "novena". Perfino nella smorfia napoletana il numero tredici è associato alla figura del santo di origine portoghese.

    Data: 1983

  • Durata 00:11
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Orazione dialettale dedicata a Santa Brigida di Svezia. Il testo contiene diversi riferimenti ad episodi legati alla Passione di Cristo, poichè, secondo la leggenda popolare, la santa di origini svedesi vissuta nel XIV sec. aveva continue apparizioni di Gesù che le aveva rivelato le sofferenze patite durante la Passione. A tal proposito, secondo la tradizione, durante alcune di queste visioni Gesù avrebbe rivelato alla santa il numero esatto di colpi ricevuti e gocce di sangue versate e che, per onorare le sue piaghe, si dovevano recitare preghiere ed orazioni giornaliere per dodici anni. La registrazione si conclude sulla recita di un'Ave Maria.

    Data: 1983

  • Durata 01:22
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Frammenti della nota canzone napoletana Torna Maggio composta nel 1900 da Eduardo Di Capua sul testo del poeta Vincenzo Russo.

    Data: 1983

  • Durata 01:02
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Filastrocca dialettale molto diffusa in area campana e già riportata, con diverse varianti, nelle raccolte ottocentesche di Casetti-Imbriani e Molinaro Del Chiaro, secondo il quale questo canto lo "dicono i fanciulli in segno di giubilo alla vigilia d'una festa" oppure "si dice anche dagli adulti ai bambini ponendosi a cavalcioni sulle ginocchia". Il testo della variante qui raccolta recita: Oggi è festa/ 'o sorece 'nfenesta/ 'a gatta a cucinà/ e 'o sorece a mangià (oggi è festa/ il topo alla finestra/ la gatta a cucinare/ e il topo a mangiare). Nella tradizione però l'incipit più diffuso è "Dimane è festa", che indica appunto, come testimoniato da Molinaro Del Chiaro, la vigilia di una celebrazione festiva.

    Data: 1983

  • Durata 00:08
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ninna nanna.

    Data: 1983

  • Durata 00:49
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ninna nanna. Il testo cantato è il seguente: Nonna nonna nunnarella 'pezza/ è arrivata 'na vammana pazza/ s'ha pigliate 'sta nennella 'e pezza/ nonna nonna nunnarella 'e pezza (nonna nonna nunnarella di pezza/ è arrivata una levatrice pazza/ si è presta questa bambina di pezza/ nonna nonna/ nunnarella di pezza). La rima pezza/ pazza, con la ripetizione dell'ultimo endecasillabo, è usata anche in altre varianti di ninna nanne campane come quella già riportata nella raccolta di Molinaro del Chiaro che recita: E nonna nonna lu lupo de pezze, l'ha vattiato la cummara pazza/ l'ha arravugliato dint'a a tanta pezze/ e nonna nonna lu lupo de pezze.

    Data: 1983

  • Durata 00:17
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Cantilena assai diffusa nell'area campana, cantata in particolare dalle giovani bambine o fanciulle, accompagnandola spesso con gesti esplicativi e movenze maliziose. Il testo dell'esecuzione recita: 'A farfallina rossa/ m'he muzzecato 'o musso/ 'nu poco 'e vino russo/ m'ha fatte 'mbriacà/ mannaggia a ccà/ mannaggia a llà/ mannagia 'a lettera 'e papà/ 'nu pare 'e zucculille/ 'na rosa int''ee capille/ 'na vesta stretta/ guagliò che guarde a ffà/ io 'a mossa a saccio fa (La farfallina rossa/ mi ha morso le labbra/ un po' di vino rosso/ m ha fatto ubriacare/ mannaggia di qua/ mannaggia di là/ mannaggia la lettera di papà/ un paio di zoccoletti/ una rosa nei capelli/ un abito stretto stretto/ ragazzo che guardi a fare?! Io la mossa la so fare!!). In altre varianti più comuni al posto della lettera 'e papà si parla della ’a pettola ‘e mammà (con pettola si indica la falda della camicia; nella tradizione campana l’espressione "essere attaccati alla pettola 'e mammà" si usa per quei giovani che, nonostante l’età, sembrano non volere staccarsi dall'ala protettiva materna).

    Data: 1983

  • Durata 00:21
  • Luogo Acerra
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonima: voce femminile
  • Autore Mimma Cuocco