Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo Rinaldi

Fondo Rinaldi (1340)

Rilevazioni realizzate con Paola Sobrero e altri ricercatori, tra il 1975 e il 1980.

Per molti anni negli studi italiani di etnomusicologia si è ritenuto che il Mezzogiorno fosse rimasto impermeabile alla diffusione di canti sociali e politici di estrazione colta (nei testi e nelle melodie). Si è ritenuto, a torto, che nelle regioni settentrionali fosse avvenuto un intreccio e forme di contaminazione tra la cultura ufficiale (sia pure di opposizione) e le varie forme di culture popolari, mentre al Sud le culture popolari fossero rimaste del tutto isolate nelle forme arcaiche e nella sostanziale autonomia linguistica e musicale. 
Molta ricerca sul campo ha espresso raccolte importantissime per l’Italia del nord, mentre al Sud le ricerche effettuate fino agli anni ’70 hanno quasi sempre evidenziato il canto popolare "autoctono", "etnico", "originale". Si finiva quindi spesso per non accorgersi o non dare valore ai canti in lingua italiana (sia pure adattata e reinterpretata) e a quelli che, su melodie già note a livello nazionale (di estrazione napoletana o di canti politici della parte avversa), costruivano testi più vicini alla propria condizione culturale e sociale. 
Già nelle campagne del Tavoliere (e non solo), nei momenti dello sfruttamento più aspro, agli albori del secolo scorso, i braccianti cantavano, al calar del sole, strofette isolate, per lo più in sequenze libere e non organizzate in senso narrativo, che possiamo definire canti sociali, sia pure nella loro funzione di canti eseguiti sul lavoro. Alcune di queste esprimevano una contrapposizione radicale al padrone, in cui l’ironia dei versi, e talvolta la violenza verbale espressa, era causa e contemporaneamente effetto di una presa di coscienza, allora appena avviata. Al termine della giornata, i braccianti di Cerignola cantavano: U sol'o fatt' russ'/ u patroun' appenn'u muss' (il sole diventa rosso e il padrone mette il broncio)In alcuni casi la violenza verbale si faceva invettiva e promessa di vendetta e rivolta per quanto si era subito in precedenza. In questo contesto anche i versi di Padrone mio, ripresi dalla tradizione orale e ormai famosissimi nella rielaborazione di Matteo Salvatore, apparentemente segnata da un senso di sottomissione e arrendevolezza, assumono una valenza simbolico-allegorica di tutt’altro segno in alcune varianti delle braccianti di Orsara di Puglia.
Ma è nei canti di rivolta e in quelli nati all’interno o a posteriori di sommosse popolari, che il canto orale assume il ruolo di documento storico, vera e propria "fotografia" o "radiocronaca" di quanto avvenuto e di come è stato vissuto dai protagonisti. In questi canti gli anonimi autori perdono la leggerezza dell’ironia e dell’allegoria e passano a narrare, con nomi e cognomi, il capovolgimento avvenuto: le vittime diventano vendicatori, i vecchi oppressori fuggono dinanzi alla massa inferocita. Uno degli esempi più interessanti è la ballata, raccolta a Minervino Murge, che descrive la rivolta popolare per il pane del 1898, contro i fornai e i loro trucchi per rendere sempre più costoso questo alimento fondamentale per la sopravvivenza.
Registrazioni di Giovanni Rinaldi, Paola Sobrero e Alberto Vasciaveo, raccolte nel territorio della Puglia Settentrionale (Capitanata e Minervino Murge in particolare) dal 1976 al 1979 e selezionate dai nastri magnetici originali da Giovanni Rinaldi.

  • Genere Audio

Canti sociali (68)

Una trascurata tradizione di canto sociale e politico

Visualizza articoli ...

Capitanata (38)

Canti e musiche in un'emblematica ricerca di storia orale

Visualizza articoli ...

Cerignola. I suonatori degli sposalizi (138)

Canti e musiche in un'emblematica ricerca di storia orale

Visualizza articoli ...

Cerignola. Le voci del canto bracciantile (158)

Gli incontri con eccezionali portatori di memoria musicale

Visualizza articoli ...

Cerignola. Musica bandistica e bassa banda (34)

Le processioni e il pellegrinaggio al santuario della Madonna di Ripalta

Visualizza articoli ...

Cerignola. Peppino Angione e i compagni (36)

La storia politica e sociale nelle composizioni di un poeta militante

Visualizza articoli ...

Cerignola. Savino Totaro, macchiettista (56)

La ricchezza compositiva di un carismatico militante politico

Visualizza articoli ...

Il gioco della Jaletta a San Marco la Catola (66)

Il torneo, i rituali di capodanno e carnevale, la banda e le filodrammatiche, storia e canto sociale

Visualizza articoli ...

Il pellegrinaggio al santuario della Madonna Incoronata (138)

Rituali e canti che cadenzano una peculiare devozione popolare

Visualizza articoli ...

La comunità di lingua arbëresh di Chieuti (56)

Il Carnevale, la festa di San Giorgio e altri canti

Visualizza articoli ...

Le contadine e le braccianti di Orsara di Puglia (83)

Una ricerca/inchiesta sulle donne lavoratrici in un paese del Sud

Visualizza articoli ...

Minervino Murge (21)

La tradizione del canto in una cittadina teatro di significativi movimenti bracciantili

Visualizza articoli ...

Natale Orecchia (25)

Canti, filastrocche e scioglilingua di un bracciante di Minervino Murge

Visualizza articoli ...

San Severo. Dalle Leghe contadine ai movimenti di massa degli anni ’50 (45)

Autobiografie, Primo Maggio, canti sociali e politici delle donne comuniste

Visualizza articoli ...