Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Leydi-Campania | Sessa Aurunca1 1984

Sessa Aurunca1 1984 (11)

isòvnxklm

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Testo: Gentilissimi miei signori 
    noi a voi facciamo inchino 
    con sincero di vero cuore 
    e come afflitti pellegrini 
    con sincero di vero cuore

    Coro:
    con sincero di vero cuore 
    e come afflitti pellegrini


    A Beetlemme noi siamo stati 
    la capanna a visitare 
    con il giudeo di Gerusalemme 
    più non si riesce a camminare 

    Coro:
    con il giudeo di Gerusalemme 
    più non si riesce a camminare

    Visitato abbiam la grotta 
    dove è nato il divino Agnello 
    è nato al cuore di mezzanotte 
    tra il boe e l’asinello

    Coro:
    è nato al cuore di mezzanotte 
    tra il boe e l’asinello

    Centoquarantaquattromila 
    di fanciulli già pigliati 
    furono posti a fila a fila 
    e come agnelli immacolati 

    Coro:
    furono posti a fila a fila 
    e come agnelli immacolati

    Costantino l’Imperatore 
    era lebbroso di natura 
    per guarire suo malore 
    ora sentitene la cura

    Coro:
    per guarire suo malore 
    ora sentitene la cura

    Per guarire il suo malore, 
    ci vuole il sangue degli innocenti 
    solo l’acqua battesimale 
    e solo quella lo potrà salvare

    Coro:
    solo l’acqua battesimale 
    e solo quella lo potrà salvare

    Mentre Messa lui diceva 
    poche rape seminava 
    molte rape raccoglieva 
    per i soldati da dar a mangiare

    Coro:
    molte rape raccoglieva 
    per i soldati da dar a mangiare 

    I soldati tutti stupiti 
    che San Silvestro questo faceva 
    e per maggiore del loro stupore 
    furono cotte e già mangiate

    Coro:
    e per maggiore del loro stupore 
    furono cotte e già mangiate

    E arrapiteci che sti porte 
    e se ce le volete aprire 
    simm gente ca’ crianza 
    na cos’è nient c’è accuntentamm’

    Coro:
    simm gente ca’ crianza 
    na cos’è nient c’è accuntentamm’

    Quanto onore abbiamo avuto 
    in questa casa siamo venuti 
    e guardateci e tenitece a mente 
    ca simm tutta brava gente

    Coro:
    e guardateci e tenitece a mente 
    ca simm tutta brava gente

    A padrona ‘e chesta casa 
    mo ce caccia na bbona spasa, 
    d’auciat’e susamiegli 
    e nu bichier ‘e vino bbuono

    Coro:
    d’auciat’e susamiegli 
    e nu bichier ‘e vino bbuono

    Buco buco ed il violino 
    con chitarre e mandolino 
    mamme e figli tutti riuniti 
    e se ne andarono a Messina

    Coro:
    mamme e figli tutti riuniti
    e se ne andarono a Messina

    Siamo stati in una bottega 
    baccalà senza moneta 
    e la bocca ancor ci fete 
    e ci arraggiamo dalla sete

    Coro:
    e la bocca ancor ci fete 
    e ci arraggiamo dalla sete

    Noi a Roma siamo stati
    a visitare il Santo Padre
    e al ritorno che noi faremo
    un bel regalo ti porteremo

    Coro:
    e al ritorno che noi faremo
    un bel regalo ti porteremo

    Coro:
    d’auciat’e susamiegli 
    e nu bichier ‘e vino bbuono

    E sperlonga, mia sperlonga 
    e pe’ fino alla Maddalena 
    e che Dio te la guarda 
    e questa bella tua mogliera

    Coro:
    e che Dio te la guarda 
    e questa bella tua mogliera

    E sperlonga, mia sperlonga
    e pe’ fino a Santo Vito 
    e che Dio te lo guardi 
    questo bello tuo marito

    Coro:
    e che Dio te lo guardi 
    questo bello tuo marito

    E sperlonga, mia sperlonga
    e pe’ fino a San Giovanni 
    e che Dio te li guarda 
    ai vostri figli e a tutti quanti

    Coro:
    e che Dio te li guarda 
    ai vostri figli e a tutti quanti

    E cantanno pè tutta Sessa 
    e cantann la nostra sorte 
    siamo giunti alla fine dell’anno 
    e siamo salvi dalla morte

    Coro:
    siamo giunti alla fine dell’anno 
    e siamo salvi dalla morte

    Oggi è calato l’anno vecchio 
    e domani è l’anno nuovo 
    e comma ci simmo arrivati avuanno 
    ci arriveremo acca a cientanni

    Coro:
    e comma ci simmo arrivati avuanno 
    ci arriveremo acca a cientanni

    e comma ci simmo arrivati avuanno 
    ci arriveremo acca a cientanni

    Oi Maronna, 
    che ‘in Paradiso staje 
    tenim chesta casa 
    te voglio bene e vuai 
    buco buco e San Silvestro 
    ca nui facimmo festa 
    e a festa nun se fa

    buco buco vo cammenà 
    Uno, 
    due 
    tre, 
    quattro, 
    cinque, 
    sei, 
    sette, 
    otto, 
    nove, 
    dieci!

    Il Buco Buco di Sessa Aurunca (Caserta) è un canto di strina che viene eseguito il 31 dicembre da squadre di musicisti, detti bucobuchisti, che in competizione tra loro, dal tramonto, girano per il paese alla ricerca di un'offerta ('a 'nferta), un tempo esclusivamente di tipo alimentare, proponendo in cambio il canto beneaugurante. 
    La strina è, infatti, il canto di questua che accompagna la nascita del nuovo anno, benedicendo la famiglia e di buon auspicio per raccolti abbondanti. Il canto è principalmente corale, ma in alcune versioni, come questa, viene eseguito con l'alternarsi di una voce principale e di un coro a più voci, tutte maschili. Il testo vede il fondersi del racconto dell'avvento di Gesù Cristo con versi beneaugurali ed altri nei quali viene palesata la richiesta di un'offerta. In ogni performance il testo viene rielaborato dal cantore, il quale a seconda dell'occasione modifica l'ordine e il numero delle strofe e, in alcuni casi, anche alcune parole (fenomeno che si può notare confrontando il testo di questa traccia con quello della traccia 06).
    Lo strumento principe di questo rito e che conduce il canto è il tamburo a frizione, putipù, conosciuto nel casertano come buco buco, denominazione locale che dà il nome anche al rito e al componimento musicale. Questo membranofono è accompagnato da molti altri strumenti, con i quali va a formare un corpo bandistico. Quest'ultimi includono varie tipologie di idiofoni a raschiamento e a frizione, dal tricchebballacche allo scetavajasse; membranofoni di varie dimensioni, dalla tammorra alla grancassa; ma anche fisarmoniche, piatti, ottoni, cordofoni, strumenti ad ancia e molti altri.
    Quella di Sessa Aurunca non è l'unica forma di questo canto ancora eseguita. Il comune consta di un numero molto elevato di frazioni, in alcune delle quali ricorrono differenti forme di canti di questua, il più particolare e conosciuto è il Buco Buco di Corigliano.

  • Durata 10:03
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, fisarmonica, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una serie di melodie napoletane, solo strumentali.

  • Durata 02:26
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una melodia napoletana, una marcetta, solo strumentale.

  • Durata 02:14
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, grancassa, piatti, ottoni
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Quattro diversi componimenti musicali proposti in un'esecuzione continua e strumentale. Soltanto l'ultimo brano presenta l'accompagnamento di un coro di voci maschili. Il primo componimento appartiene al repertorio della musica napoletana classica, dal titolo Comme facette mammeta, composto nel 1906 da Salvatore Gambardella. Il secondo, un classico della tradizione popolare laziale, è La società dei magnaccioni, risalente alla fine dell'Ottocento, inizi Novecento di autore ignoto. Segue 'O surdato 'nnammurato, testo scritto dal poeta Aniello Califano e musicato da Enrico Cannio nel 1915.

  • Durata 03:39
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Melodia del famoso brano, di autore ignoto, Addio mia bella addio, conosciuto anche con il titolo L'addio del volontario toscano o La partenza del soldato. Il testo del canto, raccolto sul campo, risulta diverso da quello originale attribuito al poeta Carlo Alberto Bosi, del 1848. La performance vede un coro di voci maschili sulle note eseguite dai tipici strumenti musicali della tradizione di Sessa Aurunca e ricorrenti nelle altre esecuzioni svolte durante le celebrazioni per il Capodanno.

  • Durata 01:18
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Il Buco Buco è un canto di strina che viene eseguito il 31 dicembre da squadre di musicisti, detti bucobuchisti, che in competizione tra loro, dal tramonto, girano per il paese alla ricerca di un'offerta ('a 'nferta), un tempo esclusivamente di tipo alimentare, proponendo in cambio il canto beneaugurante. La strina è, infatti, il canto di questua che accompagna la nascita del nuovo anno, benedicendo la famiglia e di buon auspicio per raccolti abbondanti. Il testo vede il fondersi del racconto dell'avvento di Gesù Cristo con versi beneaugurali ed altri nei quali viene palesata la richiesta di un'offerta. In ogni performance il testo viene rielaborato dal cantore che, a seconda dell'occasione, modifica l'ordine e il numero delle strofe e, in alcuni casi, anche alcune parole (come si può notare confrontando il testo di questa traccia con quello della traccia 01). Lo strumento principe di questo rito e che conduce il canto è il tamburo a frizione, putipù, conosciuto nel casertano come buco buco, denominazione locale che dà il nome anche al rito e al componimento musicale. Questo membranofono è accompagnato da molti altri strumenti con cui forma un corpo bandistico. Quest'ultimi comprendono varie tipologie di idiofoni a raschiamento e a frizione, dal tricchebballacche allo scetavajasse; membranofoni di varie dimensioni, dalla tammorra alla grancassa; ma anche fisarmoniche, piatti, ottoni, cordofoni, strumenti ad ancia e molti altri. In questa esecuzione, c'è l'alternarsi di una voce principale maschile accompagnata in alcuni versi da un coro di voci, anch'esse maschili. La traccia sonora rileva gli applausi da parte del pubblico durante l'esecuzione, rivelandone la natura di documento sonoro raccolto sul campo.

  • Durata 09:26
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, fisarmonica, voci maschili
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una delle più famose canzoni natalizie della tradizione anglosassone, scritta da James Pierpont nel 1857. Solo strumentale, presenta nelle prime battute l'accompagnamento dello scacciapensieri, strumento musicale conosciuto anche con il nome di tromba degli zingari.

  • Durata 01:55
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: pianola, scacciapensieri, batteria, ottoni
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Il Buco Buco è componimento musicale eseguito il 31 dicembre da squadre di musicisti, detti bucobuchisti, che in competizione tra loro, dal tramonto, girano per il paese alla ricerca di un'offerta ('a 'nferta) un tempo esclusivamente di tipo alimentare, proponendo in cambio il canto beneaugurante. Il brano qui riportato vede la sola esecuzione strumentale. Lo strumento principe di questo rito e che conduce il canto è il tamburo a frizione, putipù, che nel casertano ha la denominazione locale di buco buco. L'associazione di una membrana (elemento femminile) a di un bastone (elemento maschile) conferisce allo strumento un carattere ermafrodito, mentre il modo di suonarlo simboleggia l'atto sessuale [P.E. Simeoni, R. Tucci (a cura di), Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari Roma. La collezione distrumenti musicali, Roma, Cataloghi dei musei e gallerie d’Italia, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1991, p. 185], caratteristiche queste che lo legano in modo particolare alla fertilità e alle cerimonie di iniziazione. Per suonare il putipù occorre bagnare continuamente la membrana e la canna. Sostenendo il recipiente, con il braccio sinistro, o poggiandolo sul suolo se di grandi dimensioni, si fa scorrere la mano destra, bagnata o munita in una pezzuola inumidita, lungo la canna, con un movimento continuo alternato verso l'alto e verso il basso. Il suono è generato dalle vibrazioni della membrana trasmesse dalla canna ed amplificate dal risuonatore. Questo membranofono è accompagnato da molti altri strumenti, con i quali va a formare un corpo bandistico: varie tipologie di idiofoni a raschiamento e a frizione, dal tricchebballacche allo scetavajasse; membranofoni di dimensioni diverse, dalla tammorra alla grancassa; ma anche fisarmoniche, ottoni, cordofoni, strumenti ad ancia e molti altri.

  • Durata 03:11
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, fisarmonica, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Valzer, solo strumentale, eseguito con strumenti musicali tipici della tradizione di Sessa Aurunca e ricorrenti nelle esecuzioni per il Capodanno.

  • Durata 01:38
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, ottoni, grancassa, fisarmonica
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione della famosa canzone, 'O sarracino, di Renato Carosone sul testo di Nicola Salerno del 1958. Con l'accompagnamento di un coro di voci maschili e di strumenti musicali tipici della tradizione di Sessa Aurunca e ricorrenti nelle esecuzioni per il Capodanno.

  • Durata 02:22
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, piatti, ottoni
  • Autore Non indicato

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Due diversi componimenti musicali proposti in un'esecuzione continua e solo strumentale. Il primo è il brano dal titolo Marina, composto da Rocco Granata nel 1959. Il secondo appartiene al repertorio della musica napoletana classica: ’O surdato ‘nnammurato, con parole del poeta Aniello Califano e musica di Enrico Cannio, 1915. Con l'accompagnamento di strumenti musicali tipici della tradizione di Sessa Aurunca e ricorrenti nelle esecuzioni in occasione del Capodanno.

  • Durata 04:42
  • Data Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo Sessa Aurunca
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: putipù, tricchebballacche, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore Non indicato