Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Morte e grazia

  • Genere: Filmato
  • Filmato:

  • Descrizione:

    Questo documentario, che feci con il commento di Diego Carpitella, si collega direttamente a Grazia e numeri, anche se per ragioni di ordine pratico sono stato costretto a girare attorno al problema. In molte chiese, come ad esempio san Pietro ad Aram, dove avevano già murato le ossa, guardiani inesorabili non permettevano a nessuno di avvicinarsi, nemmeno con una macchina fotografica o con un piccolo registratore. Allora ripiegai sul santuario del "Volto santo" che poi è il volto di Gesù, oggetto di una devozione ancora molto sentita a Napoli. A questo santuario aveva dato anima una certa madre Flora, una signora carismatica che operava interventi miracolosi, e alla sua morte si verificarono episodi stranissimi, sui quali ho raccolto diverse testimonianze, a cominciare dalle bambine che, al grido di "Aiza aiza Madre Flora", riuscirono a sollevare, come se nulla fosse, la pesantissima bara che conteneva il corpo della donna che era molto grassa. Nel documentario ho cercato di evidenziare i rapporti di questo culto con le anime del purgatorio: a parte le testimonianze dei devoti, c’è ad esempio una gestualità simbolica che rinvia ad analoghi cerimoniali di Grazia e numeri. In un secondo tempo, realizzando una serie di trasmissioni radiofoniche per la sede Rai di Napoli, sono andato al cimitero delle Fontanelle dove c’era più libertà di movimento e meno controlli. […] C’è molto di frontale e tante testimonianze, che in genere mi deprimono perché troppo televisive. Il mio ideale è un documentario in cui ci si esprima attraverso il linguaggio del cinema e non con accorgimenti giornalistici. Sono contrario anche ai commenti lunghi. Il commento deve essere una specie di didascalia sonora che interviene a puntualizzare. Ancora meglio sarebbe farne a meno e affidarsi interamente all’eloquenza dell’immagine. In questo caso le testimonianze erano necessarie e allora ho cercato di evitare la dilatazione dei tempi, che è tipica del linguaggio televisivo, che oggi sembra influenzare gran parte dell’attività documentaristica".
    Realizzato nel 1971.

  • Durata: 15:00
  • Luogo: Napoli
  • Provincia: Napoli
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Fotografia: Carlo Alberto Cerchio, montaggio: Carla Simoncelli, musica: Egisto Macchi, testo: Diego Carpitella, produzione: Nexus Film
  • Autore: Luigi Di Gianni