Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

157 Ij sacce nu bellu cantà

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: J sacce nu bbelle cantà 
    dallu mete e llu pesà 
    lu pesàje non è ccose 
    e dalla spine nascì la rosa 
    rosa è la spine 
    e la mundagna non è marina 
    marina è la mundagna 
    e la nucella non è castagna 
    castagna è la nucella 
    e la vitrana non è zitella 
    zitella è la vitrana 
    e llu malati non è ssane 
    sane è llu malate 
    e lu rezzùle non è pignata 
    pignata è lu rezzùle 
    e la giummende non è mmula 
    mula è la giummende 
    e lu trappiti non è niende 
    niende è lu trappiti 
    e la chilombra non è fica 
    fica è la chilombra 
    e vulendiere non è palomma 
    palomma vulendiere 
    e la 'stata non è vierne 
    vierne è l'estate 
    e llu lupe non è crapa 
    crapa è llu lupe 
    e la cicoria non è lattuca 
    lattuca è la cicoria 
    tre cavall'e fenìsce la storie 

    Io so un bel canto/ dalla mietitura alla pesatura [trebbiatura a strascico]/ il trebbiare non è cosa/ dalla spina nacque la rosa/ rosa è la spina/ la montagna non è mare/ mare è la montagna/ la nocciola non è castagna/ castagna è la nocciola/ la rosolia non è zitella/ zitella è la rosolia/ il malato non è sano/ sano è il malato/ il coccio non è pignata/ pignata è il coccio/ la giumenta non è mula/ mula è la giumenta/ il frantoio non è niente/ niente è il frantoio/ il fiorone non è fico/ fico è l'inverno/ inverno è l'estate/ il lupo non è capra/ capra è il lupo/ la cicoria non è lattuga/ lattuga è la cicoria/ tre cavalli e finisce la storia 
    Riportiamo da Antonino Uccello, Risorgimento e società nei canti popolari siciliani, Firenze, Parenti, 1961, p. 30: "L'espressione di rivolta si fa aperta e cosciente, fortemente sarcastica, nei canti della mietitura e della vendemmia quando il contadino è investito di una specie d'immunità, qualunque cosa dica. Il Guastella, in appendice alle sue Ninne-nanne [Ninne nanne del Circondario di Modica, Ragusa, 1887] (p. 85 e seguenti), ce ne dà un bel saggio. Il canto della messe che egli riporta - ci dice lo studioso di Chiaromonte - 'appartiene al genere ditirambico ed è notevole per movimento, e per vivida espansione bacchica': vi troviamo la filastrocca dei contrari molto comune nella poesia popolare, che richiama il carattere dionisiaco dei canti dei mietitori e dei vendemmiatori". Cfr. anche Costantini Nigra, Canti popolari del Piemonte, Torino, Einaudi, [1° ed. 1957], 1974, pp. 689-690, rime infantili, n. 168 p, q.

    Canto della mietitura. Filastrocca dei contrari spesso usata per elencare tutti gli elementi caratterizzanti i diversi mestieri (analoga a quella dei carrettieri diffusa nel Gargano).

  • Durata: 01:01
  • Data: Lunedì, 15 Novembre 1976
  • Luogo: Cerignola
  • Provincia: Foggia
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Francesco Ciccillo Borrelli (nato nel 1916) bracciante: voce
  • Autore: Giovanni Rinaldi, Paola Sobrero