Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

080 Orazione di San Giorgio

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    L'orazione di San Giorgio è legata al culto tributato al santo nelle regioni poste sul versante adriatico, e Venezia rappresenta il più antico centro italiano in cui è sorto e da cui si è diffuso il culto del santo guerriero. Lo studio critico della leggenda di San Giorgio prese l'avvio nel Cinquecento con ampi sviluppi nel Seicento ma solo a fine Ottocento e nei primi del Novecento la leggenda di San Giorgio viene studiata a fondo nei suoi molteplici aspetti e rapporti con l'agiografia da un lato e con la mitologia ed il folklore dall'altro. Un dato certo è che la leggenda del santo guerriero è stata modificata nella poesia ed ancor più nel canto popolare. Infatti, sia nel più antico testo in lingua greca che risale al V secolo (contenuto in un palinsesto della biblioteca di Vienna), sia nel manoscritto greco datato 916 (biblioteca vaticana), non troviamo alcun cenno all'uccisione del drago che, invece, rappresenterà nella tradizione popolare l'episodio centrale.
    Tale episodio compare per la prima volta nella Legenda aurea composta tra il 1265 ed il 1275 da Jacopo da Varagine. La sua leggenda, ispirata da fonti diverse compresa quella di tradizione orale, ha esercitato un influsso straordinario sulle composizioni posteriori e sui canti popolari. I due episodi che caratterizzano la versione di Jacopo sono il combattimento con il drago ed i tormenti del martirio del santo ma solo la prima parte acquisterà la preminenza nello sviluppo della leggenda tanto che, nella tradizione popolare, non resterà che questo. Jacopo da Varagine ha così modificato la leggenda ponendo tale episodio del combattimento come primo nella vita del santo dandogli un'ampiezza e vivezza di narrazione che non poteva non esercitare un profondo influsso sulla fantasia popolare. Numerosi ed evidenti sono, infatti, i riscontri fra la Legenda aurea e i canti popolari e questi ultimi hanno attinto comunque anche ad altre fonti (non escluse quelle orali) dal momento che diversi passaggi mancano nella Legenda.
    L’impianto melodico è quello ricorrente nelle orazioni più arcaiche; il testo narrativo è integro.

  • Durata: 05:19
  • Data: Venerdì, 11 Ottobre 1996
  • Luogo: San Pietro di Bisenti
  • Provincia: Teramo
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Maria Trufoli (1932): voce
  • Autore: Carlo Di Silvestre