Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

08 La cerva

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Questo è uno dei canti d’amore più belli e misteriosi della tradizione popolare salentina. Si sente subito che il tema in esso trattato rimanda all’antichità, ad un mondo magico e mitico scomparso per sempre. Probabilmente in questo canto si allude ad un processo di iniziazione molto noto nella letteratura medioevale bretone. L’iniziazione è simboleggiata dalla caccia al cervo e il protagonista di questa storia è Guigemar. Ce la racconta Maria di Francia, una scrittrice del XII secolo in uno dei suoi Lais. Gli elementi ci sono tutti: lui, la foresta, la cerva, la bella. O forse, più semplicemente, il testo di questa canzone è costituito solo da una grande metafora che allude ad un atto di amore e di perdita della verginità. Anche qui gli elementi ci sono tutti: lui, il bosco, la cerva, Ninella e soprattutto l’enigmatico in cui si dice che dopo il ferimento, anche se il sangue scorreva, la cerva non era morta.

    Data: agosto 1977

  • Durata: 01:54
  • Luogo: Melendugno
  • Provincia: Lecce
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Niceta petrachi detta "La simpatichina": voce
  • Autore: Brizio Montinaro