Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Basilicata

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro della Basilicata | Fondo Museo Nazionale Arti e Tradizioni Popolari | Vincenzo Bassano, Nicola Martelli, Montescaglioso 12

Vincenzo Bassano, Nicola Martelli, Montescaglioso 12 (10)

Carnevale 1977.

Il Carnevale di Montescaglioso, detto Carnevalone, nasce nel mondo agro-pastorale e con esso si è trasformato nel corso degli anni. La giornata del Martedì Grasso prevede tre momenti fondamentali: la sfilata delle maschere; morte, funerale e rogo di Carnevalone; la cena finale.
All’alba c’è la vestizione delle maschere seguita dalla sfilata per il paese. I costumi, anticamente realizzati con pelli di animali, vennero in seguito creati con materiali diversi, disponibili sul momento, quali la tela di canapa o di juta, poi anche plastica, carta, cartoni, stoffa riciclata da vestiti in disuso. Al gruppo delle maschere appartengono precise figure tradizionali: la Parca apre il corteo roteando il lungo fuso tra le gambe della gente, quale simbolo della ruota del tempo che gira e della morte che prima o poi arriva; la Quaremma, lugubre figura vestita di nero e con in braccio un neonato, il Carnevalicchio, è la sposa di Carnevalone e, in maniera più o meno sguaiata, ferma tutti chiedendo offerte in natura e denaro. Il Carnevalone, vecchio intabarrato in un mantello nero, con in testa un grande cappello, chiude il corteo a cavallo di un povero asino; solitamente, sulle spalle di Carnevalone e sui fianchi dell'asino viene posto qualche cartello con perle di saggezza contadina condite da aspre critiche rivolte per lo più ai potenti. Numerosi, poi, sono i portatori dei campanacci, dai più grossi, battuti con l'ausilio del ginocchio, sino ai più piccoli. Probabilmente il loro suono ha uno scopo apotropaico, avendo l’intento di scacciare il vecchio, allontanare la sfortuna e le forze negative con il fracasso procurato. Al corteo, inoltre, appartiene anche un caprone vero e proprio che, legato ad una robusta fune e controllato da una resistente maschera, raffigura le forze primordiali della natura che è in procinto di risvegliarsi, ma soprattutto rappresenta quanto di demoniaco è insito nel carnevale. 
Durante la sfilata, ricca di chiasso e scherzi, si raccolgono offerte in denaro e natura, anche attraverso l’ausilio di barattoli e cesti posti in cima a lunghe pertiche per raggiungere chi sta al balcone. A fine mattinata si fa la conta degli incassi che serviranno per la lunga cena che avrà luogo nella notte che, in realtà, già appartiene alla Quaresima. A notte fonda, poco prima della mezzanotte, si avvia il corteo funebre di Carnevalone opportunamente sostituito da un pupazzo posto in una bara di cartone. Il corteo viene aperto da strani personaggi, quali fattucchiere, frati ubriachi e incappucciati, stregoni, e seguito da numerose altre maschere, tra cui la Quaremma piangente. A mezzanotte in punto, la campana più grande della Chiesa Madre scandisce i quaranta rintocchi che segnano l'inizio della Quaresima. A tale segnale, Carnevalone viene arso sul rogo. Successivamente ha luogo la grande cena nella quale saranno consumati cibi e bevande raccolti durante la giornata o acquistati con le offerte in denaro racimolate. 
(40-43, 469-477)

  • Genere Audio

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Il documento riporta l'ambiente sonoro della sfilata dei Carnevaloni (maschere tipiche), che si tiene a Montescaglioso nella mattina del Martedì Grasso, a partire dall'alba. Suoni confusi tra cui spiccano per quantità e volume i campanacci, di diverse misure. Numerose le percussioni, anche con improvvisate, con ritmi più o meno definiti. Si sovrappongono, inoltre, urla, risate, schiamazzi e voci dialoganti incomprensibili. A tratti si sente il rombo di alcuni motori e colpi di clacson, probabilmente appartenenti ai veicoli in transito accanto al corteo.

  • Durata 31:12
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci e percussioni
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Il documento riporta l'ambiente sonoro della sfilata dei Carnevaloni (maschere tipiche) che si tiene a Montescaglioso nella mattina del Martedì Grasso, a partire dall'alba. Suoni confusi tra cui spiccano per quantità e volume i campanacci, di diverse misure. Numerose le percussioni, anche con improvvisate, con ritmi più o meno definiti. Si sovrappongono, inoltre, urla, risate, schiamazzi e voci dialoganti incomprensibili. A tratti si sente il rombo di alcuni motori e colpi di clacson, probabilmente appartenenti ai veicoli in transito accanto al corteo.

  • Durata 26:39
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci e percussioni
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Probabilmente si tratta della parte conclusiva della sfilata dei Carnevaloni, conosciuta come "ritirata". E' il momento in cui, alla fine della mattinata, si termina la raccolta di offerte in denaro e beni naturali. La maschere, dette "Carnevaloni", si ritirano per ricomparire a sera. Voci confuse, urla, imprecazioni, fischi e rumori di ogni genere. In alcuni momenti anche percussioni e qualche colpo di campanacci. A tratti si sente il rombo di alcuni motori e colpi di clacson, probabilmente dai veicoli in transito accanto al corteo. In conclusione della registrazione si sentono i lamenti "ironici" per la morte del Carnevalone.

  • Durata 24:47
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci e percussioni
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Voci confuse, fischi, urla, schiamazzi, imprecazioni, comandi relativi all'organizzazione. Si sentono anche strumenti a percussione, tra cui un tamburello a cornice. A tratti il rombo di alcuni motori e colpi di clacson, probabilmente dai veicoli in transito accanto al corteo. Dal minuto 05:00 si mette in scena una breve parodia dissacrante di una funzione religiosa cattolica.

  • Durata 31:23
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci e percussioni
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    A notte fonda, poco prima della mezzanotte, si avvia il corteo funebre di Carnevalone: è la conclusione del carnevale. Urla, schiamazzi e frasi satiriche fanno da parodia alla lamentazione funebre per la morte del personaggio principale. Tra i diversi lamentatori vi è soprattutto la vedova "Quaremma", ossia la Quaresima, solitamente impersonata da un maschio. A tratti si sente il rombo di alcuni motori e colpi di clacson, probabilmente dai veicoli in transito accanto al corteo.

  • Durata 10:45
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ambiente sonoro relativo alla grande cena che si tiene al termine del carnevale, durante la notte, pur essendo già in piena Quaresima. Nel corso della cena si consumano tutti i cibi e le bevande (specie vino) che sono stati raccolti durante la giornata dai Carnevaloni, mentre la bara con Carnevalone (sostituito da un fantoccio) va al rogo. Si sentono urla e schiamazzi, ma anche musica di vario genere riprodotta ad alto volume tramite amplificazione.

  • Durata 12:46
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ambiente sonoro relativo alla grande cena che si tiene al termine del carnevale, durante la notte, pur essendo già in piena Quaresima. Nel corso della cena si consumano tutti i cibi e le bevande (specie vino) che sono stati raccolti durante la giornata dai Carnevaloni, mentre la bara con Carnevalone (sostituito da un fantoccio) va al rogo. Si sentono urla e schiamazzi, ma anche musica di vario genere riprodotta ad alto volume tramite amplificazione.

  • Durata 18:42
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ambiente sonoro relativo alla grande cena che si tiene al termine del carnevale, durante la notte, pur essendo già in piena Quaresima. Nel corso della cena si consumano tutti i cibi e le bevande (specie vino) che sono stati raccolti durante la giornata dai Carnevaloni, mentre la bara con Carnevalone (sostituito da un fantoccio) va al rogo. Si sentono urla e schiamazzi, ma anche musica di vario genere riprodotta ad alto volume tramite amplificazione.

  • Durata 31:29
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ambiente sonoro relativo alla grande cena che si tiene al termine del carnevale, durante la notte, pur essendo già in piena Quaresima. Nel corso della cena si consumano tutti i cibi e le bevande (specie vino) che sono stati raccolti durante la giornata dai Carnevaloni, mentre la bara con Carnevalone (sostituito da un fantoccio) va al rogo. Si sentono urla e schiamazzi, ma anche musica di vario genere riprodotta ad alto volume tramite amplificazione.

  • Durata 08:11
  • Data Martedì, 22 Febbraio 1977
  • Luogo Montescaglioso
  • Provincia Matera
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Vincenzo Bassano, Nicola Martelli