Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Basilicata

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro della Basilicata | Fondo Bellusci | San Costantino Albanese II

San Costantino Albanese II (8)

Oltre ai consueti canti profani della tradizione di San Costantino, alcuni canti religiosi ta i quali tre delle più importanti Kalimere eseguite durante la Settimana Santa, soprattutto nella veglia notturna del Giovedì Santo e durante la processione del Venerdì Santo (brani 1-3).

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto religioso polivocale, tipico della tradizione orientale, identificato come "kalimera". Eseguito in occasione della Quaresima e/o della Settimana Santa, specie durante la veglia del Giovedì Santo. Il testo, in distici di decasillabi a rima baciata o assonanza, narra la vita di Cristo dall'Annunciazione alla Risurrezione, con particolare attenzione alle vicende della Passione e morte di Cristo. La strofa musicale (AB) intona ogni distico (AB).

  • Durata 14:40
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto religioso polivocale. Eseguito in occasione della Quaresima e/o della Settimana Santa, specie durante la veglia del Giovedì Santo. Il testo, in distici di settenari, narra delle vicende della Madre di Dio Addolorata alla ricerca affannosa del Figlio, durante la sua Passione. Alcune strofe, quindi, raccontano di un particolare dialogo tra Madre e Figlio. La strofa musicale (AB) intona ogni distico (AB).

  • Durata 04:04
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto religioso polivocale sullo stesso motivo di Një e shtunezën menat, anche questo eseguito in occasione della Quaresima e/o della Settimana Santa, specie durante la veglia del Giovedì Santo. Il testo, in distici di settenari, narra del dolore della Madre di Dio Addolorata per la Passione del Figlio. La strofa musicale (AB) intona ogni distico (AB).

  • Durata 02:13
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto ad occasione indeterminata. Testo di argomento amoroso in quartine di decasillabi a rima baciata o assonanza. Da 00:16 entra una voce maschile in funzione di accompagnamento. La strofa musicale (ABCD) intona ogni strofa verbale (ABCD).

  • Durata 01:17
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto polivocale ad occasione indeterminata, conosciuto come Oj lula ç’bënet ndë gus dall'incipit. Questa registrazione inizia dalla seconda strofa del testo verbale. Il testo, di argomento amoroso, è composto da settenari. La strofa musicale (ABC) intona a parte ogni singolo verso del testo, che viene ripetuto due volte inframmezzato dal verso stereotipo E thuajme mall sa mir më do (Dimmi amore quanto mi ami), in modo da avere A X A.

  • Durata 04:29
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto polivocale su melodia tipica della vallja di San Costantino Albanese, conosciuta come Korroxhina. Il testo, in distici di settenari, parla del vino, tanto che l'autore della registrazione chiama il canto Këndimi i veres (Il canto del vino). Ogni strofa musicale (ABA'B') intona un unico verso del testo, ripetuto per due volte con cesure e iterazioni interne.

  • Durata 01:45
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonime: voci
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Il canto narra dei complotti orditi dalla "madre" del mese di ottobre (detto in arbërisht Shën Mitri, ossia S. Demetrio) per catturare il sole al fine di assicurarsi clima salubre, abbondanza di raccolto e un buon futuro. Canto ad occasione indeterminata, comunque eseguito a scopo propiziatorio. Il testo è composto da versi settenari. L'esecuzione della strofa musicale (AB) corrisponde al singolo verso. Ogni verso del testo viene ripetuto per due volte (AA). Questo canto è solitamente polivocale, nella registrazione sono riportati solo pochi versi in forma monodica.

  • Durata 00:49
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonima: voce
  • Autore Antonio Bellusci

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Strofa (ABAB') di un canto, eseguito in forma monodica, su testo tipicamente eseguito in forma polivocale su altra melodia. Testo in quartina di ottonari a rima baciata.

  • Durata 00:17
  • Luogo San Costantino Albanese
  • Provincia Potenza
  • Regione Basilicata
  • Esecutore Anonima: voce
  • Autore Antonio Bellusci