Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Ricerche di altri autori (43)

Documenti sonori raccolti da Celeste, Sonnella e Tentori

Alcune tra le numerose ricerche realizzate da altri collaboratori del Museo, tra le quali una di Tullio Tentori, dal 1968, e per oltre un ventennio, Soprintendente al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari.

 

  • Genere Audio

Documenti sonori registrati nel 1974 presso il santuario della Madonna dell’Arco (Sant’Anastasia, Napoli) durante il pellegrinaggio annuale del lunedì in albis a documentare alcune fasi del rito di entrata nel santuario dei gruppi di devoti detti battenti.
Gran parte della raccolta (tracce 1-9) è stata registrata vicino all’ingresso principale del santuario catturando il paesaggio sonoro che connota il momento dell’entrata dei battenti; risultano particolarmente evidenti, nella complessa stratificazione di voci e rumori presente nella registrazione, alcuni momenti del rito in cui la musica assume un ruolo centrale e dominante: si tratta degli interventi bandistici (tra cui predomina un arrangiamento strumentale dell’inno Noi vogliam Dio) che accompagnano le funzioni dei gruppi di battenti e ne coordinano i movimenti, enfatizzandone la componente coreutica e la marcata scansione ritmica. La musica delle bande, durante la funzione, spesso si interrompe per lasciare posto a una tradizionale voce di questua intonata da un singolo battente: è riconoscibile dal profilo melodico marcato (seppure soggetto a un certo margine di variazioni e abbellimenti individuali) e dall’incipit (Chi è devoto), invariabile a differenza dei versi seguenti, che si articolano in diverse versioni con piccole varianti. Più che come semplice richiamo da eseguire nell’ambito delle questue pubbliche, essa è considerata dai battenti una tra le più personali e sentite espressioni di devozione, e come tale viene eseguita spesso durante le funzioni (delle quali costituisce uno dei momenti apicali) oltre che durante la fase culminante del pellegrinaggio che si svolge all’interno del santuario, quando i gruppi di battenti si sciolgono e i singoli devoti si rivolgono individualmente al santo.
L’ultima traccia, della durata di pochi minuti, documenta un fenomeno radicalmente differente da quelli finora descritti, che ha luogo nella parte posteriore del piazzale antistante al santuario: qui convergono da varie località della Campania (tra le quali Somma Vesuviana e Giugliano) gruppi di musicisti e cantori tradizionali, molti dei quali esperti nei repertori di canti sul tamburo, fronne e canti a figliola, per dare luogo a prolungate performance in grado di attirare e coinvolgere un buon numero di spettatori e curiosi.

(155)

  • Genere Audio

La raccolta documenta la processione solofrana del Venerdì Santo, manifestazione religiosa fortemente sentita e partecipata dalla comunità locale che mette in scena una rappresentazione popolare della Passione di Gesù. Nella processione sfilano figure e costumi a simbolizzare la passione di Cristo: gli apostoli, i soldati romani, i farisei, Pilato, le tre Marie, ma anche la croce, la corona di spine, la lancia che trafisse il costato, e altri simboli della Passione, trasportati per i vicoli da persone vestite con tuniche e cappucci bianchi. In queste registrazioni sono documentati alcuni momenti della processione, i passaggi della banda, i canti polivocali religiosi eseguiti dai fedeli, il richiamo del corno che guida la processione, alla testa del corteo.

(154)

  • Genere Audio

La festa di Sona cà sceta sona cà scena, che alcune testimonianze storiche fanno risalire al XVI secolo, mutata nel tempo, nella forma e nella sostanza, è documentata in questa indagine realizzata a Frattamaggiore nel 1973 attraverso interviste e testimonianze della comunità locale. La manifestazione si svolge il pomeriggio del lunedì in albis, dopo il rito più ortodosso di devozione alla Madonna dell’Arco che vede la partecipazione di ampie fasce di popolazione e pellegrini provenienti da luoghi limitrofi. La mattina cominciano a sfilare i battenti (fedeli che si battono il corpo in segno di devozione durante il cammino della processione) e i fujenti (devoti che corrono durante il pellegrinaggio al santuario), insieme a gruppi di fedeli vestiti di bianco con fasce rosse e azzurre che trasportano stendardi e quadri con l’immagine della Madonna, percorrendo ore di cammino, a volte scalzi, fino al santuario. La festa di Sona cà sceta si svolge nel pomeriggio del lunedì dopo Pasqua e coinvolge soprattutto la popolazione di Frattamaggiore. Di incerta interpretazione, il nome sona cà sceta potrebbe riferirsi  alla "scena" (suona con la scena) del teatro popolare che si mette in atto nella festa, o alla "uscita" (suona perché è uscita) della processione dei santi. La festa consiste in una sfilata di statue di alcune figure della cristianità (San Giovanni, San Pietro, la Maddalena, l’arcangelo Gabriele, la Madonna) che vengono esposte e portate in spalla dai fedeli per le strade cittadine, andando alla ricerca del Cristo risorto. Lo spettacolo rituale messo in atto coinvolge i fedeli determinando una maggiore partecipazione empatica con il sacro mistero della resurrezione di Cristo. Sotto la guida di un regista, che dà indicazioni e fa muovere le statue nella ricerca del Risorto, si percorrono ed esplorano le vie del luogo fino all’annuncio del ritrovamento, notizia seguita da un’esaltazione collettiva espressa attraverso suoni e fuochi pirotecnici. I documenti e le testimonianze contenuti in questa raccolta si focalizzano sull’indagine della percezione e visione della festa per la comunità locale. Gli informatori, che prendono parte alla manifestazione in modi differenti, con ruoli e sentimenti eterogenei, forniscono una serie di opinioni, testimonianze e giudizi sull’evento, a volte utilizzando la festa come semplice pretesto o simbolo per affrontare e segnalare temi e quesiti di portata più ampia.

(120-4 108760-3)

  • Genere Audio

L’indagine musicale di Tullio Tentori (Napoli, 11 aprile 1920 – Roma, 12 gennaio 2003) uno dei maggiori riferimenti dell’antropologia italiana, documenta la presenza di una tradizione di stornelli e canti a distesa polivocali con testi di contenuto amoroso e umoristico scherzoso nell’area di Ascea. Gli informatori, trascinati dalla voce e dall’organetto di Antonio Pica, eseguono un repertorio di canti a distesa strutturati in un coro eterofonico nel quale le voci miste seguono la stessa linea melodica, con varianti melodiche e di intonazione, restituendo un’espressione estetica di notevole effetto. La prevalente presenza di contenuti amorosi o ironico ridanciani riconduce, anche se non direttamente dichiarato nei documenti, ad un uso e ad una funzione sociali legati a momenti di vita comunitaria e individuale di solito in occasione di serenate e momenti conviviali. 

(88, 93842)

  • Genere Audio

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Presentazione degli esecutori ed esecuzione di alcuni stornelli con canto a distesa polivocale, i testi hanno contenuti d’amore. Incipit incomprensibile, l’audio della registrazione va in saturazione in alcuni punti.

    Data: ignota

  • Durata 07:36
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Pica: organetto e voce, Tolomeo Antonio: voce, D’angelo Maurina: voce, Teola Rosina: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, artigiano di 85 anni, spiega lo svolgimento e le figure religiose della festa di Sona cà scetë del lunedì in albis. Illustra che in principio le figure religiose presenti nella festa erano cinque, in seguito divenute sette. L’informatore parla della partecipazione popolare alla festa, del ruolo svolto in passato nell’organizzazione della manifestazione, dell’aspetto economico sostenuto dal comune, della possibilità di interrompere la tradizione; spiega anche la sua partecipazione alla gara di fuochi pirotecnici che si realizza la sera della festa.

    Data: 1973

  • Durata 07:03
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Una banda musicale, composta da due trombe, un trombone, grancassa, rullante e piatti, suona un arrangiamento strumentale del canto Noi vogliam Dio durante una breve funzione eseguita da un gruppo di battenti davanti alla porta del santuario. La banda ripete ciclicamente l’esposizione del tema fino al termine della funzione. Segue una breve discussione tra il probabile capo-battente del gruppo e una persona che sembra avere un ruolo nell’organizzazione dell’ingresso dei pellegrini nel santuario.

  • Durata 05:38
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci, trombe, trombone, grancassa, rullante, piatti
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione documenta la fonosfera della processione del Venerdì Santo con il passaggio di una banda.

    Data: 1974

  • Durata 02:15
  • Luogo Solofra
  • Provincia Avellino
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: banda musicale
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto polivocale religioso eseguito durante la processione. Il canto si divide in due parti tetrastiche di settenari e ottonari eseguite da due differenti gruppi di fedeli.

    Data: 1974

  • Durata 02:13
  • Luogo Solofra
  • Provincia Avellino
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonime: voci femminili
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione include interviste a cittadini di Frattamaggiore che esprimono opinioni e visioni sulla festa; i temi emersi riguardano la spesa sostenuta per la realizzazione dell'evento, l'utilità e la funzione della manifestazione, il valore sociale e religioso della festa, cosa rappresenta per i cittadini, la partecipazione della comunità di Frattamaggiore.

    Data: 1973

  • Durata 14:07
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Frammento dell’inno Noi vogliam Dio eseguito da una banda musicale. Segue il paesaggio sonoro documentato all’esterno del santuario. Tra le voci e i rumori si distingue la celebrazione della funzione all’interno del santuario diffusa da altoparlanti.

  • Durata 07:43
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci, trombe, trombone, grancassa, rullante, piatti, voce amplificata
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di alcuni stornelli con canto a distesa polivocale, i testi hanno contenuti d’amore.

    Data: ignota

  • Durata 08:12
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Pica: organetto e voce, Tolomeo Antonio: voce, D’angelo Maurina: voce, Teola Rosina: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Introdotto dal segnale militare di saluto alla bandiera, un battente intona la voce di questua Chi è devoto (incipit). Contestualmente la messa celebrata da un sacerdote e amplificata da altoparlanti.

  • Durata 01:18
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voce maschile, tromba
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione include una serie di interviste e testimonianze raccolte per le strade di Frattamaggiore con donne del luogo. Le informatrici denunciano difficoltà ed esprimono forti critiche verso la manifestazione esponendo una serie di problematiche che affliggono la comunità e in particolar modo le giovani generazioni.

    Data: 1973

  • Durata 04:43
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonime: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di alcuni stornelli con canto a distesa polivocale, i testi hanno contenuti d’amore e ironici.

    Data: ignota

  • Durata 07:54
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Pica: organetto e voce, Tolomeo Antonio: voce, D’angelo Maurina: voce, Teola Rosina: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione documenta la fonosfera della processione per il Venerdì Santo con il passaggio di una banda.

    Data: 1974

  • Durata 03:25
  • Luogo Solofra
  • Provincia Avellino
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: banda musicale, voci miste
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una sequenza di canti polivocali religiosi eseguiti durante la processione.

    Data: 1974

  • Durata 05:42
  • Luogo Solofra
  • Provincia Avellino
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene un breve frammento iniziale che raccoglie la testimonianza di un commerciante che esprime alcune opinioni sulla manifestazione; segue l’intervista con il presidente del comitato organizzativo della festa, poi intervengono altri cittadini che esprimono le proprie opinioni e riportano testimonianze sulla festa.

  • Durata 07:21
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’esecutore recita e traduce i primi versi del testo cantato nel brano precedente.

    Data: ignota

  • Durata 00:23
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Pica: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Paesaggio sonoro documentato davanti alla porta del santuario: emerge la voce amplificata del sacerdote che  celebra la funzione all’interno. É inoltre presente una breve conversazione tra il ricercatore, accompagnato da alcune studentesse dell’università di Napoli, e uno dei presenti (forse un battente o, più probabilmente un padre domenicano) che chiede spiegazioni sull’attività di documentazione e ricerca.

  • Durata 12:46
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di alcuni stornelli con canto a distesa polivocale, i testi hanno contenuti d’amore e ironici.

    Data: ignota

  • Durata 06:14
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore D’angelo Maurina: voce, Antonio Pica: organetto e voce, Tolomeo Antonio: voce, Teola Rosina: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione include interviste e testimonianze raccolte per le strade di Frattamaggiore durante la festa di Sona cà scetë. Gli informatori spiegano e commentano i momenti della festa che stanno osservando, i significati della manifestazione, le figure dei santi che sfilano.

    Data: 1973

  • Durata 06:42
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Banda musicale che esegue una marcia. Dall’ascolto è possibile ipotizzare la presenza in formazione, oltre che dei consueti ottoni, di un clarinetto. In seguito la banda inizia l’esecuzione di Noi vogliam Dio per interromperla dopo pochi secondi.

  • Durata 02:18
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: clarinetto, trombe, trombone, grancassa, rullante, piatti
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene il richiamo del corno suonato da un fedele che guida il corteo. Segue un canto polivocale religioso intonato dai fedeli in processione.

    Data: 1974

  • Durata 03:32
  • Luogo Solofra
  • Provincia Avellino
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: corno, voci miste
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Introdotto dal segnale militare di saluto alla bandiera, un battente intona la voce di questua “Chi è devoto” (incipit).

  • Durata 01:04
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voce maschile, tromba.
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una testimonianza della fonosfera della festa e alcune conversazioni con cittadini di Frattamaggiore.

    Data: 1973

  • Durata 02:20
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori recitano alcuni testi cantati nel brano precedente.

    Data: ignota

  • Durata 00:41
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore D’angelo Maurina: voce, Antonio Pica: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione include una serie di interviste con informatori incontrati nei pressi del santuario. Si parla di impressioni e aspettative sulla festa, delle manifestazioni per la Madonna dell’Arco, dei fedeli e dei devoti di Frattamaggiore che partecipano all'evento; gli interlocutori, inoltre, descrivono i momenti della festa, le usanze e le dinamiche sociali messe in atto, gli atti di fede e le offerte di cittadini e autorità civili. Parlano della tradizione e della funzione dei quadri dei fujenti che sfilano nella processione in omaggio alla Madonna dell’Arco. Sono descritte le chiatte, schiere di giovanotti vestiti di bianco attaccati agli estremi di una fune che pregano e si genuflettono alla Madonna dell’Arco mentre una giuria vota la bellezza dei quadri esposti in processione. Gli informatori descrivono anche la tradizione di Sona ca sceta, prosieguo della processione mattutina. Sono inoltre spiegate le differenze nel modo di "sentire la festa" tra i cittadini di Frattameggiore e gli "altri" che provengono da zone limitrofe e altri luoghi.

    Data: 1973

  • Durata 12:52
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Una banda musicale suona un arrangiamento strumentale del canto Noi vogliam Dio durante una breve funzione eseguita da un gruppo di battentidavanti alla porta del santuario. La banda, il cui organico sembra includere, oltre agli ottoni, anche un clarinetto, ripete ciclicamente l’esposizione del tema nel corso della funzione.

  • Durata 03:44
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: clarinetto, trombe, trombone, grancassa, rullante, piatti
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di alcuni stornelli con canto a distesa polivocale, i testi hanno contenuti amorosi e ironici. Manca l’incipit. L’audio è disturbato in diversi punti della registrazione e interrotto sul finale.

    Data: ignota

  • Durata 01:36
  • Luogo Ascea
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Pica: organetto e voce, D’angelo Maurina: voce, Tolomeo Antonio: voce, Teola Rosina: voce
  • Autore Tullio Tentori

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, nato nel 1905, collabora e partecipa alla festa dal 1915. La registrazione contiene una serie informazioni sulla festa per la Madonna dell’Arco e la tradizione dei quadri dei fujenti. L’interlocutore descrive la partecipazione e la gara con premiazione per i quadri esposti durante la manifestazione, realizzati da artisti locali riconosciuti. L’informatore ricorda la fondazione dell'evento, nel 1927, le offerte da parte della comunità di Frattamaggiore e delle istituzioni, destinate ad andare in beneficenza per la manutenzione del santuario. Elenca le date, fino all’anno 1989, in cui cadrà la festa. Sono elencati i nomi di frazioni e paesi vicini dai quali arrivano grandi masse di fedeli. L’informatore spiega il legame della festa di Frattamaggiore con la Madonna dell’Arco, l’usanza di recarsi a piedi in passato alla Madonna. Si descrive anche l’utilizzo a fini solidali delle ingenti somme di denaro raccolte durante la festa con le offerte. L’informatore esprime anche le proprie coniderazioni sul futuro della festa e la possibilità che la manifestazione non venga ulteriormente riproposta; parla della giornata di festa come giornata di "sacrificio", durante la quale prodigarsi e onorare la Madonna. Infine spiega l’usanza di camminare in ginocchio fino alla Madonna (anticamente anche con la lingua per terra, fino al 1930, anno in cui fu vietato).

    Data: 1973

  • Durata 14:09
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Breve funzione eseguita da un gruppo di battenti davanti alla porta del santuario.

  • Durata 05:05
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: clarinetto, trombe, trombone, grancassa, rullante, piatti
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene informazioni sulla festa di Sona ca scenë. Si parla delle dinamiche dell'evento, della ricerca del Cristo Risorto, di vestiti e colori della tradizione. Si spiega l’attribuzione di premi e le quote assegnate alle varie squadre che partecipano alla ricerca del quadro raffigurante Gesù Cristo. Inoltre, l’informatore sottolinea l’importanza economica in termini di turismo e l'aumento di consumi nel periodo festivo, le differenze rispetto a edizioni di qualche anno addietro, nelle quali molti visitatori e partecipanti alla festa ritenevano la celebrazione poco ortodossa e non meritevole di rispetto. Sono descritte le differenze tra le celebrazioni del mattino e quelle del pomeriggio del giorno di festa. È ricordato un incidente avvenuto nell’edizione del 1920, quando cadde il quadro di Gesù Cristo. L’informatore parla anche del legame dei politici con la festa e dell’intenzione di alcuni di loro di appoggiare e sostenere la festa per un ritorno in termini di voti; nel finale si parla dell’aspetto economico della festa.

    Data: 1973

  • Durata 19:10
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Paesaggio sonoro documentato davanti alla porta del santuario. Si distinguono frammenti di conversazione fra persone facilmente identificabili come battenti, il suono ripetuto di un fischietto ad opera di un capo-battente, e l’intonazione, in lontananza, del richiamo di questua Chi è devoto (incipit).

  • Durata 06:41
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Frammento registrato probabilmente nella parte posteriore del piazzale antistante al santuario, presso un gruppo di persone che si avvicendano nell’intonazione di fronne alternate a brevi frammenti di canto sul tamburo (prevalentemente filastrocche stereotipe in versi ottonari). Verso la fine, la traccia presenta anomalie acustiche probabilmente dovute a variazioni di velocità nello scorrimento del nastro al momento della registrazione.

  • Durata 02:31
  • Data Lunedì, 15 Aprile 1974
  • Luogo Sant'Anastasia
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci, tamburo a cornice
  • Autore Celeste

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una serie di interviste raccolte per le strade di Frattamaggiore durante la festa. Sono espresse impressioni e diverse considerazioni sulla manifestazione, nella maggior parte dei casi gli informatori non provengono da Frattamaggiore ma vi sono giunti per prendere parte all'evento; a margine si riferiscono i commenti di alcuni giovani del luogo che esprimono critiche e giudizi negativi sull’utilità e il valore della festa.

    Data: 1973

  • Durata 16:37
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione si apre sui suoni di una banda che passa per poi proseguire con una lunga sequenza di interviste. Le informatrici e gli informatori intervistati parlano del valore religioso della festa, della partecipazione dei fedeli, delle impressioni e opinioni sull’aspetto economico dell'evento, del significato sociale della manifestazione, del senso del ritrovamento del Cristo nella tradizione, della paventata fine della tradizione, della perdita del valore culturale della festa, del ruolo e dell’influenza delle istituzioni cattoliche.

    Data: 1973

  • Durata 13:55
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene testimonianze e opinioni di alcuni vigili urbani di Frattamaggiore che hanno prestato servizio durante la manifestazione. L’audio della registrazione è disturbato in diversi punti.

    Data: 1973

  • Durata 09:33
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore ricorda alcuni aneddoti risalenti a precedenti edizioni della festa, con particolare riferimento agli scontri e agli atti di violenza che si verificavano tra cittadini di Frattamaggiore e visitatori forestieri. L’informatore, venditore ambulante, commenta la giornata lavorativa nel contesto di festa, esprime la propria opinione sulla probabile interruzione della ricorrenza festiva, già dall'anno seguente. L’intervista contiene l’intervento di un altro informatore che parla dei mestieri tradizionali del passato a Frattamaggiore, della presenza durante le precedenti edizioni della festa di disturbatori, dell'affermarsi dell'evento e del significato sociale che ha assunto.

    Data: 1973

  • Durata 04:12
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli interlocutori descrivono momenti della festa e il maggior impegno lavorativo durante la manifestazione. Inoltre, commentano l'evento ed esprimono la volontà di tenere viva la tradizione, riportano opinioni sulle problematiche amministrative e sul significato sociale della festa.

    Data: 1973

  • Durata 05:43
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una bozza di presentazione dell’autore per la festa di Frattamaggiore Sona cà sceta. La presentazione alterna brani per chitarra classica montati con alcuni frammenti di interviste dove informatori del luogo descrivono e commentano la festa.

    Data: 1973

  • Durata 05:28
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore L. Sonnella: voce, anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione, che prosegue dalla traccia precedente, contiene una bozza di presentazione dell’autore per la festa di Frattamaggiore Sona cà sceta: in sottofondo brani per chitarra classica montati con alcuni frammenti di interviste dove informatori del luogo presentano e commentano la festa.

    Data: 1973

  • Durata 08:24
  • Luogo Frattamaggiore
  • Provincia Napoli
  • Regione Campania
  • Esecutore L. Sonnella: voce, anonimi: voci
  • Autore L. Sonnella