Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

P. Apolito, Olevano sul Tusciano1 1973 (6)

isòvnxklm

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Frammento della tipica "sonata" con piffero (o sisco) e tamburi a bacchette che guida e accompagna la processione dell’8 maggio con la statua di San Michele. L’esecuzione (che però contiene delle interruzioni e si interrompe bruscamente) sembra divisa in tre parti di cui la prima su un ritmo sostenuto di marcia del tamburo e due frasi melodiche del sisco che si ripetono incessantemente pressoché identiche, la parte centrale invece su un ritmo, sempre di marcia, però più "posato", e col piffero che esegue un frasario melodico diverso, e infine la terza parte (che nella registrazione si arresta però dopo pochi secondi) nella quale sembrano ripresi il ritmo e i motivi melodici eseguiti all’inizio.

  • Durata 01:34
  • Data Martedì, 08 Maggio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: tamburi a bacchette, piffero o sisco
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La persona intervistata è un anziano olevanese. Racconta di essere stato per tre volte gravemente malato e tutte le volte di essere guarito ricevendo la grazia da San Michele, del quale era però già devoto prima dei suoi malanni fisici. In segno di riconoscenza per i miracoli ricevuti per tre anni si è recato ad accendere la lampa (probabilmente un cero rituale) per San Michele. Durante tre notti aveva poi sognato un signore che gli aveva detto di cercare una sciabola nelle vicinanze dell’altare e lui l’aveva veramente trovata. In seguito, dopo averla portata a Battipaglia per farla pulire pagando ben tremila lire, l’aveva consegnata alle autorità ecclesiastiche che la conservavano proprio presso l’altare nella grotta di San Michele. Ogni anno andava a controllare che la sciabola fosse ancora lì al suo posto perché, nel malaugurato caso fosse sparita, sarebbe venuta "la fine del mondo". Lui, che in quel momento di mestiere faceva il guardiano delle fragole, era stato sei anni in guerra e aveva suonato pure la tromba e il tamburo nella cavalleria. A suo avviso San Michele, che è anche lui guerriero, protegge tutti coloro che avevano fatto la guerra, in particolare quella del 1915-18. Alla fine dell’intervista interviene brevemente anche un’altra persona, amico dell’intervistato principale, che racconta di stare poco bene e di sopravvivere facendo dei servizi (ovvero piccoli e saltuari lavori o commissioni). Durante l’intervista si sentono spesso in sottofondo spari dovuti ai tradizionali fuochi d’artificio preparati in paese in occasione della festa del santo patrono.

  • Durata 11:34
  • Data Martedì, 08 Maggio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci maschili
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Altro breve frammento di un’esecuzione con tamburi e sisco. La registrazione (purtroppo coi tamburo in saturazione all’inizio) comincia in questo caso dalla parte più lenta per poi approdare a quella su un ritmo più sostenuto. Si confermano quindi, anche in questo caso, come nel precedente, l’alternanza di due distinti momenti ritmici eseguiti dal tamburo a bacchette ai quali corrispondono differenti motivi melodici suonati dal sisco.

  • Durata 00:49
  • Data Martedì, 08 Maggio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: tamburi a bacchette, piffero o sisco
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Continua l’intervista con il devoto di San Michele che mostra il posto dove ha ritrovato la sciabola, scavando dietro l’altare, come lui stesso racconta, mezzo metro sotto terra.

  • Durata 00:41
  • Data Martedì, 08 Maggio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce maschile
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ultima parte dell’intervista al devoto che ha trovato la sciabola. Racconta che anche lui in cavalleria usava la sciabola, quella da lui ritrovata però è una "tedesca". Per questa storia si è addirittura separato dalla moglie che non credeva. Il signore che gli era apparso in sogno era ben vestito. La devozione verso San Michele è tanto profonda da aver dato finanche diecimila lire per la costruzione della strada che conduce al santuario.

  • Durata 07:16
  • Data Martedì, 08 Maggio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce maschile
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Brevissimo frammento di intervista ad un forestiero; gli si chiede quale funzione si stesse svolgendo presso la grotta di San Michele ed egli risponde sinteticamente: "tamburi, pifferi e bandiere" indicando, da non indigeno, quelli che sembrano essere a livello popolare i tre elementi simbolicamente rappresentativi del culto al santo patrono di Olevano sul Tusciano.

  • Durata 00:23
  • Data Martedì, 08 Maggio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce maschile
  • Autore Paolo Apolito