Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Museo Arti Tradizioni Popolari-Campania | Le ricerche sul Carnevale | R. De Simone, A. Rossi, Olevano sul Tusciano 1974

R. De Simone, A. Rossi, Olevano sul Tusciano 1974 (6)

isòvnxklm

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione cantata della Rappresentazione dei Mesi (interpretata da tredici personaggi: i dodici Mesi, più Capodanno loro "padre") in una delle tre frazioni (Ariano, Monticelli e Salitto) di Olevano sul Tusciano. Ciascun mese canta la propria sestina di endecasillabi così composta: una quartina dedicata alle peculiarità del mese cantato, seguita sempre dal seguente distico "Poi me ne vado contento e felice/ sentite mio fratello cosa vi dice", che funge da presentazione del mese successivo. La registrazione è purtroppo incompleta poiché parte da Luglio per poi proseguire fino alla quartina conclusiva cantata da Capodanno che dice "Vi ringrazio miei cari figli/ dell’onor che mi avete dato/ auguriamo a questi signori/ mille anni di felicità" alla quale rispondono tutti i Mesi in coro: "Felicità!".

  • Durata 02:05
  • Data Martedì, 26 Febbraio 1974
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Capodanno e i dodici Mesi (anonimi): voci maschili
  • Autore Roberto De Simone, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Bollettino straordinario declamato da una sorta di banditore che racconta alcune inverosimili "sciagure" che suscitano l’ilarità degli spettatori. Si parla di una scossa di terremoto in Giappone in seuito alla quale la polizia germanese è accorsa sul posto per arrestare il colpevole...; poi dell’investimento di una ragazzina diciottenne che, "finita sotto l’autista" e portata all’ospedale di Salerno, è stata dichiarata dai medici "guaribile in nove mesi salvo complicazioni", con una chiara allusione ad una gravidanza; si racconta ancora la "sciagura" di un "frenatore" romano, investito da un treno proveniente da Reggio Calabria le cui parti del corpo sono state trovate in diverse parti d’Italia (la testa a Bologna, il corpo in Sicilia, le braccia in Calabria) e che i medici di Battipaglia tentano di salvare..., e infine di una "grande sciagura" capitata in America: un quadrimotore americano che si è "incontrato" con una carriola a mano. Concluso il bollettino lo stesso banditore invita la gente a spostarsi verso la piazza della frazione successiva nella quale si replicherà la rappresentazione. Si distingue il suono di un tamburo, probabilmente suonato dal banditore stesso, che è mascherato e guida la sfilata degli asini sui quali si spostano i tredici interpreti dei Mesi. Questi sono seguiti di solito da un ragazzo non mascherato che monta su un asino con due ceste ai fianchi per raccogliere le offerte dal pubblico. Si sente il vociare confuso delle persone sugli asini in cammino verso la tappa successiva.

  • Durata 03:42
  • Data Martedì, 26 Febbraio 1974
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Banditore (anonimo): voce maschile
  • Autore Roberto De Simone, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Breve frammento nel quale è possibile ascoltare il paesaggio sonoro olevanese nel momento immediatamente precedente alla rappresentazione dei Mesi che sta per essere eseguita in una delle tre frazioni del paese, fino all'intervento di una voce maschile che richiama al silenzio per dare inizio alla messa in scena.

  • Durata 01:21
  • Data Martedì, 26 Febbraio 1974
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Roberto De Simone, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione integrale della rappresentazione dei Mesi, registrata in una delle tre frazioni di Olevano sul Tusciano. C’è da segnalare che Capodanno, che inizia il canto de I mesi dell’anno (come viene chiamata la recita a livello popolare) con la propria sestina, sbaglia la parte del testo in cui deve introdurre Gennaio, che viene indicato prima come "padre" poi come "fratello" e infine, correggendosi e scusandosi, nel modo esatto, ovvero come "figlio". L’esecuzione poi prosegue fino alla fine con le varie sestine cantate dai dodici Mesi e la quartina finale, cantata sempre da Capodanno, con la ripetizione del coro finale che augura a tutti "Felicità!".

  • Durata 04:32
  • Data Martedì, 26 Febbraio 1974
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Capodanno e i dodici Mesi (anonimi): voci maschili
  • Autore Roberto De Simone, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Ripetizione più o meno identica dello stesso Bollettino straordinario eseguito precedentemente: stesse le sciagure raccontate dal banditore ma in un ordine diverso. Seguono gli applausi del pubblico che non sembra numeroso.

  • Durata 02:32
  • Data Martedì, 26 Febbraio 1974
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Banditore (anonimo): voce maschile
  • Autore Roberto De Simone, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Frammento che cattura il paesaggio sonoro olevanese al termine della rappresentazione dei Mesi: motori accesi e i campanacci degli asini sui quali montano i tredici personaggi (più il bambino che segue con le ceste per le offerte), nello spostamento verso l’ultima frazione in cui si terrà la terza e conclusiva replica dei Mesi e del Bollettino. La Rossi cerca di organizzare il lavoro con tutti i componenti del gruppo di ricerca (si riescono a intendere soltanto i nominativi "Orazio" e "Franco"). La ricercatrice poi, rivolgendosi a De Simone, avverte che verso le 19 metteranno in scena lì, ad Olevano, il Testamento di Carnevale (alludendo inoltre alla possibilità di fare delle riprese), ma di voler andare, con altri collaboratori, al carnevale di Bellizzi a cui non aveva ancora mai partecipato.De Simone probabilmente resterà con altri a Olevano sul Tusciano per la ripresa video della Morte e Testamento di Carnevale, di cui non abbiamo infatti la registrazione sonora bensì il testo (diviso in due parti: Bollettino del Regno e Testamento di Carnevale) trascritto nel volume Carnevale si chiamava Vincenzo, fedele all’esecuzione del 26 febbraio 1974.

  • Durata 03:00
  • Data Martedì, 26 Febbraio 1974
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Roberto De Simone, Annabella Rossi