Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

P. Apolito, Olevano sul Tusciano 1973 (5)

isòvnxklm

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Rappresentazione cantata dei dodici mesi dell’anno eseguita esclusivamente da voci maschili. Il testo cantato non è in dialetto ma in italiano. La registrazione è in questo caso incompleta e parte dal Mese di agosto.

  • Durata 01:45
  • Data Domenica, 25 Febbraio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci maschili
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Rappresentazione cantata dei dodici mesi dell’anno eseguita da voci maschili. Si tratta della ripetizione della stessa esecuzione del brano precedente (forse effettuata nella piazza di una delle tre frazioni in cui è divisa Olevano sul Tusciano). Stavolta la registrazione è completa. L’esecuzione dei "mesi dell’anno" è introdotta e conclusa da Capodanno ("padre" di tutti i mesi) che, come i personaggi che interpretano ciascun mese, canta la propria sestina di endecasillabi. Questa è così composta: una quartina dedicata alle caratteristiche e alle peculiarità del mese cantato, seguita sempre dal seguente distico: Poi me ne vado contento e felice/ sentite mio fratello cosa vi dice che funge da presentazione del mese successivo. Capodanno presenta Gennaio come "figlio", invece l’unico mese "femminile" è Aprile, che infatti viene presentato da Marzo come "sorella", ma la voce che lo interpreta è sempre di sesso maschile.

  • Durata 04:31
  • Data Domenica, 25 Febbraio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci maschili
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Intervista a due degli attori della rappresentazione, i quali raccontano che la stessa era stata ripresa l’anno precedente (1972), dopo anni di silenzio, in onore del loro "vecchio capo", morto in un incidente stradale. L’anno prima però, per difficoltà economiche, la sfilata dei Mesi era stata fatta solo ad Ariano ovvero la frazione "capoluogo". Nel 1973 invece la rappresentazione, per evitare la faziosità già esasperata in campo politico e sportivo, si tenne in tutte e tre le frazioni, partendo da quella più alta, ovvero Salitto, scendendo poi giù a Monticelli per finire ad Ariano dove, a seguire, si teneva anche il funerale di Carnevale, slegato però dalla rappresentazione dei Mesi. Nell’intervista si parla poi anche di malocchi e fatture. Uno degli intervistati riferisce di una vecchia fattucchiera (viene chiamata così la persona che fa le "fatture"), operante molti anni prima ad Ariano, che al momento della morte si era riempita di pidocchi al punto che, in poco tempo, del suo cadavere erano rimaste solo le ossa. L'episodio, nella credenza popolare, veniva legato proprio al suo essere stata in vita una fattucchiera. Si parla infine dell'intensa emigrazione degli abitanti di Olevano verso la Germania, la Svizzera ecc. Molti andavano invece a lavorare nella Piana del Sele, mentre il resto degli abitanti sopravviveva lavorando negli uliveti e negli agrumeti.

  • Durata 11:40
  • Data Domenica, 25 Febbraio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci maschili
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Intervista con uno degli attori, Amedeo Poppiti, di cinquattotto anni, il quale racconta che la prima rappresentazione dei Mesi dell’anno a cui aveva partecipato si era tenuta nel 1935 nelle scuole elementari del paese. Per quasi vent’anni anni lui non ne aveva più preso parte, poi era stato pregato di ricominciare a parteciparvi, ed aveva quindi ripreso l’anno precedente, cioè nel 1972. L’intervistato racconta di abitare nella frazione di Ariano e di lavorare come manovale edile a Battipaglia. Nell’intervista ci sono alcune brevi interruzioni.

  • Durata 08:15
  • Data Domenica, 25 Febbraio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Amedeo Poppiti: voce
  • Autore Paolo Apolito

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Altra esecuzione della rappresentazione, effettuata probabilmente ad Ariano, ultima e principale frazione di Olevano sul Tusciano. Il testo eseguito è sempre lo stesso (si vedano i brani 01 e 02). Purtroppo l’inizio di questa registrazione ha un volume molto basso e la voce di Capodanno, che introduce i Mesi suoi "figli", si sente appena. Dal mese di Gennaio l’audio invece ritorna comprensibile.

  • Durata 04:40
  • Data Domenica, 25 Febbraio 1973
  • Luogo Olevano sul Tusciano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci maschili\
  • Autore Paolo Apolito