Archivio Sonoro

Il tarantismo in Campania (162)

isòvnxklm

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice ricorda un caso di tarantismo del quale fu testimone nel 1956 a Capaccio: racconta i sintomi e gli effetti del morso, la cura attraverso i suoni, le richieste musicali del tarantato, gli strumenti musicali presenti durante il rito terapeutico, le differenze caratteriali e umorali delle tarantole e le varie forme di possessione.

    Data: 1975

  • Durata 04:48
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Università di Salerno

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione è una sequenza di domande poste a passanti, realizzata per le strade di Matinella, con informazioni varie sulle tarantole, sul tarantolismo e i suonatori di tarantelle del luogo. La registrazione è disturbata in più punti dalla presenza dei rumori del traffico.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 12:41
  • Luogo Matinella (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, agricoltore nato nel 1916, descrive insetti e parassiti che si potevano incontrare nei campi e tra gli animali, in particolar modo parla delle zecche, delle tarantole e delle vipere, più pericolose. Queste specie velenose si trovano, secondo la spiegazione dell’informatore, in particolari tipi di terreno; inoltre, sono descritte le virtù di alcune tipologie di terreni fertili e di determinate specie di piante leguminose.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 22:30
  • Luogo Contursi Terme (frazione Santigloria)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Ricco: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Le informatrici, originarie di Roccadaspide, riferiscono informazioni indirette sul tarantismo.

    Data: 1976

  • Durata 04:14
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata a Capaccio nel 1923, narra la propria esperienza di tarantismo accaduta all’età di 15-16 anni, l’occasione del morso (durante la raccolta del grano), gli effetti del veleno (la perdita di coscienza e il pianto ininterrotto per cinque giorni), l’idiosincrasia per il colore nero. L’informatrice fornisce una descrizione del ragno, delle differenze fra tipologie di tarantole ed effetti della possessione, parla del tabù di uccidere le tarantole e dell’inefficacia delle cure mediche. Sono ricordati altri casi di tarantismo conosciuti e descritte le differenze di sintomi e cure. Inoltre, è fornita un’interpretazione dell’estinzione delle tarantole causata, secondo l’informatrice, dall’uso di diserbanti e pesticidi.

    Data: 1976

  • Durata 22:05
  • Luogo Capaccio Scalo (Rettifilo)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Eleonora P.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina di anni 62, nata a Campobasso e trasferita a Capaccio con il marito artigiano, dopo la propria presentazione affronta il tema del tarantismo. Viene narrato un episodio di tarantismo verificatosi a Campobasso, quando l’informatrice aveva tredici anni: la vittima, un suo parente, ballò al suono di organetto per otto giorni senza alcuna risoluzione dopo esser stato morso da una tarantola durante la raccolta del grano. L’informatrice racconta anche di essere stata coinvolta nel ballo della tarantella per alcune ore al fine di aiutare l’uomo ad uscire dalla crisi.

  • Durata 08:47
  • Data Sabato, 12 Giugno 1976
  • Luogo Battipaglia
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Caruso Ida: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Descrizione

    L'informatrice ricorda tre casi di tarantismo. Il primo coinvolse una donna anziana originaria di Napoli che volle essere cullata e cantata per otto giorni. Il secondo caso riguarda un uomo di Paestum che chiese i suoni e ballò per otto giorni prima di risolvere l'esorcismo. Il terzo caso riguarda un operaio di Caserta impiegato nel consorzio di bonifica che in seguito al morso di tarantola cantò in continuazione canzoni napoletane per alcuni giorni senza sosta. L'informatrice ricorda con ampie descrizioni e numerosi dettagli i sintomi delle crisi e le tipologie di tarantole, inoltre, sono descritti i luoghi in cui c'era maggiore probabilità di incontrare i ragni, e spiegata l'estinzione delle tarantole dovuta all'arrivo degli americani dopo la guerra e al loro largo utilizzo di diserbanti e pesticidi.

  • Durata 22:20
  • Data Sabato, 07 Agosto 1976
  • Luogo Paestum
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Laura: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto di sessantacinque anni, parla dei casi di tarantismo per i quali erano stati chiamati a suonare i suoi fratelli (anch'essi suonatori); riferisce sui repertori utilizzati durante le cure (tarantelle, polka e valzer). Nella seconda parte dell'intervista ricorda un episodio di tarantismo che colpì una sua conoscente (Filomena S.) che fu costretta a ballare nel 1926-1927 al suono dell'organetto del fratello di Luigi. Si parla anche della Madonna di Tempalta, nome attribuito a una donna del luogo che veniva venerata perché aveva visioni mistiche. A conclusione Luigi Serrella spiega che ha paura di raccontare i casi di tarantismo perché argomenti "delicati" e per rispetto verso amici e parenti dei tarantati.

  • Durata 10:55
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene la testimonianza di due donne, Marianna Rocco contadina di 46 anni e Giovanna Croce contadina di 78 anni, che hanno assistito alla crisi di tarantolismo vissuta dalla sorella di Marianna, circa venti anni prima dell’intervista. Le informatrici ricordano la vicenda, il morso durante la mietitura, i sintomi e le visioni della tarantolata, il rifiuto di suoni e strumenti. Sono ricordati altri episodi di tarantolismo verificatisi nei paraggi.

  • Durata 07:04
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Marianna Rocco: voce, Giovanna Croce: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina e magliaia di 56 anni, ricorda un caso di tarantolismo al quale ha assistito circa trent’anni prima. Nell’intervista si descrive la tarantola, gli effetti del veleno e del morso.

  • Durata 08:18
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Olinda Marino: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatrice, nata nel 1932, riferisce di essere stata morsicata dalla tarantola nel 1948/1949, ricorda il contesto del morso e gli effetti, le caratteristiche fisiche del ragno. Ricorda di essersi recata da un dottore che le ha somministrato un antidoto per il veleno, con scarsi risultati; ricorda i dolori accusati e le sensazioni fisiche del malessere, le parti del corpo interessate dal male, il cambio di consistenza e colore della pelle. Inoltre, l'informatrice riporta l'esperienza di tarantismo che colpì il marito (Antonio C.), gli effetti del veleno che determinarono delle crisi nervose; parla di una tarantola uccisa in precedenza e della vendetta di un'altra taranta, descritta come vedova perché determinava sbalzi di umore e si caratterizzava per le dimensioni e le sfumature cromatiche. Nel finale l'informatrice ricorda altri casi di tarantismo avvenuti nei paraggi citando il caso di Basile Pietro, bracciante di Matinella.

  • Durata 09:19
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Matinella (fraz. di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Teresa Cadauro : voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, muratore di 79 anni, ricorda due episodi di tarantismo ai quali ha assistito da giovane. Nell’intervista sono narrati i sintomi del morso e la guarigione dal male attraverso il ballo accompagnato dalla tarantella. Si elencano alcune differenze fisiche e cromatiche delle tarantole. L’informatore spiega anche la maggiore possibilità per gli uomini di essere pizzicati perché lavoravano più delle donne in campagna. Inoltre, è spiegato il significato del divieto di bere per i tarantolati ai fini di far "seccare" il sangue e cambiarlo. La registrazione è interrotta sul finale.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 25:55
  • Luogo Capaccio Scalo
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Pasquale: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina di 53 anni, narra l’esperienza di tarantismo che ha vissuto all’età di 40 anni, il luogo e gli effetti del veleno, lo stato alterato di coscienza e le visioni, il viaggio immaginario a cavallo verso luoghi lontani. La donna ricorda anche i casi della madre, del fratello infante e del cognato vittime di tarantismo, delle diverse azioni e reazioni al morso (essere cullati o ballare). Sono descritte le tarantole, le loro peculiarità fisiche, gli effetti del morso. Densa di dettagli la descrizione dell’esorcismo musicale vissuto dall’informatrice, gli effetti della possessione e l’efficacia dei suoni degli strumenti presenti. L’informatrice è documentata anche nella raccolta degli stessi Capaccio, Giungano, Trentinara 1976 (brani 06 e 09).

    Data: 1976

  • Durata 31:26
  • Luogo Giungano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelina M.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, suonatore di organetto e contadino nato nel 1902, spiega le modalità di apprendimento della tecnica dell’organetto, le occasioni nelle quali si suonava (con particolare riferimento alle feste per i matrimoni), il repertorio e gli altri strumenti che accompagnavano l’organetto (tamburo a cornice e chitarra battente).

    Data: Luglio 1976

  • Durata 02:37
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, medico condotto di 86 anni, ricorda casi di tarantolismo avvenuti negli anni Venti del Novecento. Riferisce di alcuni sintomi ed effetti del morso del ragno, della risoluzione domestica attraverso la danza della tarantella, dell’utilizzo di farmaci per l’espulsione del veleno. L’informatore ricorda la prevalenza femminile nei casi di tarantismo e la maggioranza di morsi verificatisi in campagna e nelle zone malariche. Inoltre, sono citati dal medico i casi di ballo di San Vito e le testimonianze di devozione verso il santo, ritualizzate nei pellegrinaggi alla cappella di Sant’Antonino a Campagna (Sa). In conclusione Annabella Rossi spiega all’informatore la storia e le ambizioni della ricerca sul tarantismo in Campania.

    Data: 1976

  • Durata 24:46
  • Luogo Albanella
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio C.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, medico che ha curato alcuni casi di tarantismo, ricorda e spiega le forme e gli effetti del male; parla del malessere in termini di "avvelenamento" e delle cura con sudoriferi. Sono inoltre ricordati avvenimenti e aneddoti storici del periodo borbonico e dei primi del Novecento, in particolar modo collegati alla malaria, alla diffusione e al contrasto dell’epidemia. L’intervista contiene una spiegazione in termini medici del tarantismo, l’approccio medico utilizzato nei casi di morso di tarantola, diffusione e comune considerazione del malessere, le differenze tra tarantismo e ballo di San Vito (corea minor), la scomparsa del tarantismo.

    Data: 1976

  • Durata 23:58
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Dottor B.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Informazioni sulla storia della Madonna del Granato, sul culto si San Vito e San Pietro.

    Data: 1976

  • Durata 05:04
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore descrive la propria esperienza di tarantismo vissuta in due episodi distinti; sono narrate: le sensazioni provate, gli effetti del veleno, le parti del corpo contaminate dal veleno, la durata del male, il senso di spossatezza. Sono inoltre descritti il contesto (è stato morso mentre guardava le bufale con il fratello), i dolori muscolari, le reazioni e le sollecitudini della tarantola, i momenti della crisi nei quali l’informatore si spogliava nudo e ballava alla finestra, il risveglio senza postumi e senza alcun ricordo dell’accaduto. Infine sono fornite alcune descrizioni delle tarantole.

    Data: 1976

  • Durata 08:34
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene un’intervista ad una donna devota in visita alla grotta della Madonna della Neve. L’informatrice parla del pellegrinaggio alla Madonna, della leggenda della sua comparsa legata al nome della neve, di miracoli compiuti e riconosciuti dalla comunità del luogo.

  • Durata 08:26
  • Data Giovedì, 05 Agosto 1976
  • Luogo Sanza
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice narra la propria testimonianza su alcuni casi di tarantismo. Il primo riguarda un uomo di Capaccio, Francesco Guglielmotti (il caso è documentato nelle raccolte Capaccio 1976, brani 03 e 04 di A. Milillo, e Madonna del Monte 1976, brano 05 di A. Rossi, E. Bassano, P. Ciambelli); l’informatrice ricorda le azioni del tarantato, gli effetti e la durata del male, le cure. In seguito l’informatrice riferisce la propria esperienza diretta di tarantismo: gli effetti e le sensazioni vissute, le caratteristiche fisiche del ragno, le terapie attuate; ricorda anche il caso di tarantismo del quale fu vittima la madre che chiese l’intervento dei "suoni" sentendo la necessità di ballare al suono di organetto e tamburello. Nel caso della madre dell’informatrice, viene descritta la personificazione della tarantola, denominata Regina Giovanna e con sembianze di donna di alto rango, che nella possessione procurò forme di dissociazione e glossolalia. È descritto, infine, il caso di tarantismo di un parente del padre dell’informatrice: gli effetti e i sintomi del morso, il periodo in cui venne morsicato, la necessità di ballare e ascoltare i "suoni".

    Data: 1975

  • Durata 11:50
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Università di Salerno

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore fornisce una descrizione delle tarantole (trumientë), dei luoghi dove si possono incontrare, della propria esperienza personale di contatto con la tarantola, l’occasione del morso (l’uomo ricorda che stava suonando la chitarra in campagna mentre guardava le bufale), le differenti tipologie di tarantole e le personificazioni che assumono (giovani, vecchie, che fanno ballare o cantare), il ricorso ad una respirazione continua e cadenzata durante la possessione.

    Data: 1976

  • Durata 04:27
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene il racconto di un episodio di tarantismo verificatosi a Capaccio negli anni Cinquanta. L’informatrice spiega le differenze tra morsi di tarantole "giovani" e "vecchie", la risoluzione mediante l’intervento di alcuni suonatori di violino e organetto per accompagnare il ballo del giovane tarantolato.

  • Durata 04:35
  • Data Sabato, 12 Giugno 1976
  • Luogo Battipaglia
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Caruso Ida: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina di 62 anni, riferisce sul caso di tarantolismo che ha colpito la madre venticinque anni prima dell’intervista. La donna fu morsa su un braccio mentre trasportava i covoni. Sono descritti i sintomi e gli effetti del morso, la richiesta dell’organetto e la necessità di ballare senza tregua, il bisogno nelle soste di essere cullata in una culla. L’intervista contiene anche una descrizione delle personificazioni assunte dalle tarantole, "più signorina" o più "moderna", le stravaganze e le imposizioni dettate dalla personalità del ragno.

  • Durata 10:14
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Annunziata D’Angelo: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore ricorda storie e aneddoti sui briganti, poi esterna pensieri e opinioni personali sulla società moderna, sulle differenze tra vecchie e nuove generazioni, sulla figura e la dignità del mestiere di coltivatore diretto.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 17:39
  • Luogo Contursi Terme (frazione Santigloria)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio Ricco: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino e commerciante di 41 anni, narra il proprio caso di tarantolismo, il morso del ragno in campagna, la diagnosi del medico, gli effetti del veleno, la terapia, il divieto di bere, i dolori e l’eccessiva sudorazione. Si ricorda il caso di Salzano di Domenico Capaccio (vedi raccolta Battipaglia – Capaccio, dalla traccia 06 alla 09) e le differenze con la tarantola che ha morso l’informatore. Nella parte finale l’informatore parla delle differenze del lavoro in campagna rispetto al passato e delle cause che hanno determinato la riduzione di casi di tarantolismo. La registrazione include alcuni interventi di donne presenti che spiegano i periodi dell’anno e le piante in cui è facile trovare le tarantole.

  • Durata 12:22
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Domenico Franco: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene un piccolo frammento iniziale di intervista ad una donna che accenna al caso del marito morso dalla tarantola. Dopo il breve frammento inizia l’intervista a Gabriele Serra, contadino di 91 anni, che ricorda quando fu morso dalla tarantola a Tempalta, all’età di 17-18 anni. L’informatore rievoca l’occasione del morso, gli effetti del veleno, i colori della tarantola, il ballo ininterrotto per quindici giorni e quindici notti al suono di organetto, chitarra e mandolino; racconta che i suonatori di Tempalta eseguivano tarantelle, valzer e mazurke, mentre lui ballava con uomini e donne. Il signor Gabriele nomina anche altre persone di Tempalta morse dalla tarantola.

    Data: 1976

  • Durata 13:46
  • Luogo Capaccio Scalo (Rettifilo)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Gabriele Serra: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice afferma di esser stata morsicata da una tarantola ma di non ricordare nulla di quell’esperienza, riferisce solo quello che la mamma le raccontò in seguito, del pianto in culla, della debolezza, l’apatia e la perdita totale di coscienza fino all’amnesia del fatto.

    Data: 1976

  • Durata 08:16
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Graziella Olga: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto di sessantacinque anni, ricorda il caso di tarantismo che colpì la signora Filomena S. che fu costretta a ballare per più di dieci giorni e per la quale ha suonato l'organetto suo fratello. Inoltre descrive le forme di tarantella che si eseguivano nella terapia (la cilentana e la rocchese), i tempi di esecuzione durante i riti terapeutici, il ballo in coppia, parla dell'assenza di medicine efficaci escluso il ballo; poi menziona i casi di Sinforosa M., e di Rosario T., avvenuto questo più di quarant'anni prima, che si faceva cullare dalla moglie durante l'esperienza di tarantismo. In conclusione elenca alcune peculiarità fisiche della tarantola.

  • Durata 07:55
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene informazioni su alcuni episodi di tarantismo ai quali hanno assistito le due anziane informatrici, gli eventi narrati risalgono ai primi anni Trenta del Novecento.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 08:55
  • Luogo Contursi Terme
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigia Brogna: voce, Gerardina Brogna: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore ricorda la propria esperienza e parla di altri casi di tarantismo, avvenuti negli anni 1948/1949, e curati con il ricorso alle cure mediche e al contro veleno al posto della musica ormai caduta in disuso specificando "che il ballo non si usava più". L'informatore riferisce sui luoghi e gli habitat della tarantola, poi chiede informazioni sugli scopi dell'intervista e della ricerca. Sono descritti i sintomi e la localizzazione fisica del dolore in base alle parti del corpo pizzicate; le tipologie di ragni, le aree nelle quali si possono trovare determinate specie di tarantole, le occasioni del morso solitamente durante la raccolta di legumi. Infine l'interlocutore associa la scomparsa della tarantole in zona all'introduzione di pesticidi e concimi chimici nell'agricoltura a partire dagli anni Cinquanta.

  • Durata 11:47
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Matinella (fraz. di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Pietro Basile: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, di 79 anni, spiega le differenze tra tipologie di tarantole e veleni, le categorie di vittime, gli effetti del morso, le possibilità di cura tramite i "suoni" e il ballo. Inoltre, ricorda i casi di tarantismo dei quali furono vittima il marito e il fratello, la personificazione della tarantola che pizzicò il marito in "Donna Alessandrina della Spagna", differenti effetti e risoluzioni del male.

    Data: 1976

  • Durata 03:52
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Sinforosa S.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore fornisce notizie sul ballo della tarantella (denominato "pizzica" o "sunettë" all’uso antico), cita alcuni suonatori di tarantelle dei paraggi e tipologie di organetti utilizzati. La registrazione contiene interventi di altri informatori presenti che accennano ad un caso di tarantismo verificatosi circa trent’anni prima a Matinella.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 07:46
  • Luogo Matinella (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Vincenzo Serra: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore parla di alcuni casi di tarantismo nell'area di Paestum e Giungano, focalizzando la narrazione sulla storia di una signora (Marina di Giungano) pizzicata dalla tarantola che ballò per diversi giorni in casa accompagnata dai suoni.

  • Durata 02:34
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Paestum
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Vittorio S.: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice narra l’episodio di tarantismo che coinvolse la madre: le crisi violente, le peculiarità della tarantola che la morsicò (la vedova santa), la necessità di ballare senza sosta, l’inefficacia delle cure tentate e il ricovero nel manicomio di Nocera Inferiore.

    Data: 1976

  • Durata 06:17
  • Luogo Giungano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelina M.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, suonatore di organetto e contadino nato nel 1902, spiega le differenze tra tipi di tarantole, effetti del morso e sintomi del malessere. Sono indicati peculiarità e caratteri delle differenti tarantole, gli approcci medici nel confronto col passato. Si descrivono i luoghi e gli habitat dove potevano trovarsi le tarantole, i periodi dell’anno nei quali mordevano, i generi delle tarantole, le differenze di età (figliòle, giovani e rosse, vedove nere e anziane) e cromatiche. L’informatore ricorda anche i brani eseguiti durante i casi di tarantolismo. Sono inoltre recitati alcuni versi eseguiti durante le serenate.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 10:08
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene informazioni sul ballo della tarantella dei tarantolati, gli effetti, la durata, le azioni, gli stati psicofisici. L’informatore parla anche della propria professione e delle patologie maggiormente diffuse nella Piana del Sele; inoltre, sono ricordati i luoghi dell’area dove si verificarono in misura maggiore i casi di tarantismo.

    Data: 1976

  • Durata 07:08
  • Luogo Albanella
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio C.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene informazioni sul rito religioso e la festa durante il pellegrinaggio alla Madonna della Neve. L’intervista include una narrazione a più voci miste sulla storia della Madonna della Neve, sono inoltre spiegate le usanze delle cente, del trasporto in spalla della statua sacra, dell’affluenza di pellegrini da piccoli centri limitrofi.

  • Durata 07:29
  • Data Giovedì, 05 Agosto 1976
  • Luogo Sanza
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, agricoltore originario di Roccadaspide, riferisce sulle abitudini delle tarantole e la loro continua ricerca di acqua. Sono ricordati alcuni elementi del rito coreutico musicale del tarantismo da una testimonianza indiretta. L’informatore si dilunga anche sul ricordo del paesaggio e del territorio circostanti e sui cambiamenti avvenuti col passare degli anni, inoltre, racconta alcuni aneddoti e storie di vita oltre a esprimere critiche sulla società moderna. Sono fornite informazioni su alcune usanze del passato e tradizioni di Natale e Carnevale.

    Data: 1976

  • Durata 16:01
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Serenelli: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene la testimonianza di un episodio di tarantismo verificatosi a Capaccio, la vittima, moglie di un certo Martinone (soprannome di una persone del paese), venne pizzicata da una tarantola "vecchia" che voleva essere cullata. Per soddisfare le voglie della tarantola l’informatrice ricorda e spiega le modalità e i tempi di cura di questo caso di tarantismo.

  • Durata 03:16
  • Data Sabato, 12 Giugno 1976
  • Luogo Battipaglia
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Caruso Ida: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore descrive le sensazioni fisiche provocate dal veleno della tarantola, i dolori e le reazioni muscolari, il continuo stato di agitazione e movimento. Inoltre, la registrazione contiene informazioni sul vidovo (vedovo), tipo di ragno tra i più pericolosi nello scatenare le crisi di tarantismo e capace di provocare la morte in base alle conoscenze locali degli avi. Infine è citato “ù ‘nzuratë (lo sposato), il tipo di ragno che ha morso l’informatore, considerato meno pericoloso rispetto ad altri ragni. La registrazione contiene alcuni interventi della moglie dell’informatore che ricorda altri casi di tarantismo accaduti in famiglia.

    Data: 1976

  • Durata 02:07
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino nato a Capaccio nel 1909, rievoca il morso della tarantola del quale fu vittima nel 1937 mentre raccoglieva il grano. Sono narrati la perdita di coscienza, gli effetti del veleno, i dolori alla schiena, il rinnovarsi del dolore e il protrarsi del male ancora ai tempi dell’intervista, l’inefficacia delle cure mediche, l’incapacità di dormire, la necessità di dover assumere posizioni strambe, e l’essersi "rovinato la salute" in seguito al morso della tarantola.

    Data: 1976

  • Durata 12:43
  • Luogo Capaccio (Contrada Procuzzi)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Ciccio C.: voce
  • Autore Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatrice, nata nel 1911, parla della propria esperienza di tarantismo vissuta all'età di dodici anni; descrive il luogo nel quale si verificò il morso (in "pianura", durante la raccolta del grano tra Capaccio e Capasso); ricorda che dopo aver avuto un contatto con una tarantola presa da una zia e posata sul suo braccio, alla sera iniziò a ballare al suono di organetto senza sosta per otto giorni e otto notti; fornisce descrizioni dettagliate del ragno; parla dei sintomi scaturiti, della capacità di suonare l'organetto durante la possessione, dell'attrazione per i suoni, della necessità di lavarsi in continuazione e vestirsi con abiti puliti per via dell'eccessiva sudorazione, inoltre, sono narrati i dolori accusati allo stomaco e alla schiena. Dopo gli otto giorni di danza sfrenata e digiuno racconta di esser caduta in un sonno profondo durato un giorno intero, dopo il quale ha provato spossatezza nei giorni seguenti. In conclusione interviene Luigi Serrella: si racconta del lavoro nei campi in passato, dei salari, delle tipologie di colture, dei lavori nella piana di Paestum, delle differenze tecniche rispetto alla successiva meccanizzazione.

  • Durata 13:41
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Filomena Serra, Luigi Serrella: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino di 83 anni, ricorda l’episodio di tarantolismo del quale è stato vittima all’età di 25-26 anni. Nella registrazione sono ricordati: il contesto e l’occasione del morso, il punto del morso (dietro l’orecchio), lo stato di agitazione e inquietudine continua, la diagnosi di un amico già vittima di tarantolismo, la terapia consigliata (tramite sfregamento di oggetti d’oro), la perdita di sensi, la soluzione attraverso la danza regolare per otto giorni. La tarantola, di nome Giovannina, personificava una giovane ballerina di teatro che imponeva di ballare e visitava l’informatore durante il sonno. Sono altresì presenti informazioni sui suonatori, gli strumenti e le musiche suonate.

  • Durata 12:18
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Francesco Guglielmotti: voce.
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore cita alcuni suonatori di tarantella del luogo e ricorda vagamente alcuni casi di tarantolismo. La qualità audio è bassa e disturbata in diversi frammenti.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 07:41
  • Luogo Matinella (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Ferrelli: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli.

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, bracciante di 73 anni, ricorda il caso di un uomo morso dalla tarantola nel giorno della festa della Madonna di Loreto in agosto. L’uomo ballava accompagnato con tarantelle, polke e mazurche. L’evento risale al 1919 – 1920. Sono descritte le differenze tra il lavoro in campagna in passato e quello odierno; la recente scomparsa delle tarantole; la maggior probabilità di essere morsi quando si è sudati d’estate. Gli informatori spiegano le differenze tra il morso e gli effetti del veleno delle tarantole rispetto ad altri ragni e vipere presenti in campagna.

  • Durata 12:57
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Rosario Antonio Careone: voce, Annunziata D’Angelo: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista raccoglie la testimonianza di un tarantolato. L’informatore ricorda l’evento: i sintomi e gli effetti del morso, i tempi di crisi, le azioni e il continuo stato di agitazione. Spiega di aver stuzzicato il ragno che ha reagito morsicandolo, e di aver ricevuto le cure di un medico che ha indicato la terapia con un unguento. Inoltre, sono spiegati il divieto di contatto con l’acqua e lo stato modificato di coscienza vissuto, i luoghi e i periodi dell’anno in cui si potevano incontrare le tarantole. La registrazione è interrotta sul finale.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 22:39
  • Luogo Contursi Terme
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Salvatore Lenza: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore ricorda la propria esperienza diretta di tarantismo e la visione della taranta, descrive le peculiarità fisiche del ragno, i punti del corpo umano e le condizioni nelle quali preferisce pizzicare, gli effetti del morso e i sintomi (ricorda di essere stato a letto un giorno), le intenzioni e visioni del ragno espresse durante lo stato alterato di coscienza, la necessità di ballare al suono di tarantelle e mazurke, le azioni insolite compiute durante la possessione (come cucire e appiccare piccoli fuochi in casa).

    Data: 1975

  • Durata 05:31
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Università di Salerno

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, di 46 anni, ricorda l’esperienza di tarantismo del quale fu vittima da bambino in zona Tempalta – Roccadaspide. Sono narrati i sintomi e gli effetti del veleno, la risoluzione coreutica, i postumi e le conseguenze dell’esperienza di tarantismo.

    Data: 1976

  • Durata 06:12
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene informazioni sulla vita dell’informatrice, sulla casistica degli episodi di tarantismo nell’area, su persone morsicate dalla tarantola. Sono narrate le vicende del cognato dell’informatrice morso dalla tarantola (l’occasione del morso, gli effetti, la necessità di essere cullato ininterrottamente per giorni), e dell’informatrice stessa (i sintomi, le azioni e le conseguenze della crisi di tarantismo).

    Data: 1976

  • Durata 17:01
  • Luogo Giungano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelina M.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore riferisce sul caso della suocera (Rosaria M.) colpita da tarantismo nel 1949. Descrive i sintomi del male, la necessità di ballare, la convocazione di alcuni suonatori da Salerno (in particolare un suonatore di organetto), il repertorio eseguito (mazurke e valzer).

  • Durata 03:09
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Paestum
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Daniele: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice narra la propria esperienza di tarantismo, il momento e l’occasione del morso, la personificazione del ragno in "Alessandro della Spagna", il senso di ansia e vergogna, la necessità di cantare ininterrottamente per circa due mesi e mezzo senza soluzione. L’informatrice spiega anche la propria condizione di "virtù", il dono della preveggenza effetto di una combinazione astrale straordinaria verificatasi al momento della nascita.

    Data: 1976

  • Durata 10:32
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Alessandrina D.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatrice spiega le differenze nella cura del tarantismo in passato e nei casi più recenti: se prima si era costretti a ballare per sette, otto giorni, ora si ricorre all'iniezione di un contro veleno. Sono inoltre descritte le differenze tra tarantole (vedova o zitella) che determinavano stati umorali e malesseri differenti.

  • Durata 03:31
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Matinella (fraz. di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Pietro Basile e sua madre: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione include un’intervista iniziale con informazioni sui vari momenti del pellegrinaggio: dalla salita con la statua in spalla, alla nottata passata davanti alla chiesa accompagnata dal suono di ciaramelle e tamburi, fino alla discesa al paese. Inoltre, è documentato il paesaggio sonoro della festa con l’arrivo della processione, i canti, i botti, le voci e le urla dei fedeli.

  • Durata 07:24
  • Data Giovedì, 05 Agosto 1976
  • Luogo Sanza
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata nel 1925, narra una favola "antica", ascoltata e narrata nella sua infanzia.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 07:59
  • Luogo Contursi Terme (frazione Santigloria)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Gerardina Brogna: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori parlano delle cente (composizioni di candele e doni) realizzate come omaggio e devozione alla Madonna. Vengono spiegate anche le differenze nella realizzazione delle cente rispetto al passato.

    Data: 1976

  • Durata 03:49
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Serenelli: voce, anonime: voci femminili
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di tarantella in maggiore, utilizzata per accompagnare il ballo e nelle serenate.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 02:28
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: organetto, Alberigo Postiglione: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Canto polivocale con testo religioso invocativo alla Madonna. La registrazione è interrotta.

  • Durata 01:46
  • Data Giovedì, 05 Agosto 1976
  • Luogo Sanza
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonime: voci femminili
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, di anni 62, riporta un racconto della propria suocera di un episodio di tarantismo accaduto ad una vedova di Capaccio. La tarantolata, secondo il racconto, era posseduta da una tarantola che impose diversi giorni di preghiera per risolvere il malessere. L’intervista contiene anche interventi della figlia di Ida, Angela.

  • Durata 03:06
  • Data Sabato, 12 Giugno 1976
  • Luogo Battipaglia
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Caruso Ida: voce, Santomauro Angela: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata nel 1925, recita una favola in filastrocca, poi ricorda alcune favole che si raccontavano quando era bambina.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 05:47
  • Luogo Contursi Terme (frazione Santigloria)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Gerardina Brogna: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori, incontrati per strada, citano persone che possono fornire testimonianze su tarantolismo e tarantelle.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 02:49
  • Luogo Albanella
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice cita alcune casi di tarantismo accaduti a Capaccio.

    Data: 1976

  • Durata 03:47
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore ricorda il caso di tarantismo che colpì il cugino Antonio all'età di venticinque anni; descrive i sintomi del male, la perdita di memoria e di senno, la risoluzione del male dopo aver scoperto che si trattava di tarantola, la morte prematura del cugino ammazzato per problemi di eredità.

  • Durata 05:17
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Matinella (fraz. di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Alfano: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori raccontano alcuni aneddoti che hanno per argomento l’incontro di serpenti e animali velenosi in campagna.

  • Durata 02:51
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Annunziata D’Angelo: voce, Rosario Antonio Careone: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino nato a Capaccio nel 1909, rievoca il morso della tarantola del quale fu vittima nel 1937 mentre raccoglieva il grano. L’intervista contiene informazioni sulla tarantola che morsicò l’informatore, gli effetti del morso, la necessità di restare a testa in giù in posizioni insolite, la durata del malessere, l’inefficacia delle cure mediche e dei medicinali, la presenza ancora viva dei dolori alla schiena provocati dal morso della tarantola.

    Data: 1976

  • Durata 13:08
  • Luogo Capaccio (Contrada Procuzzi)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Ciccio C.: voce
  • Autore Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori raccontano alcuni aneddoti ed esperienze personali di suonatori senza ricordare episodi di tarantismo.

    Data: 1976

  • Durata 06:03
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatrice, nata nel 1911, parla della propria esperienza di tarantismo e di altri casi verificatisi nell'area di Tempalta, citando i nomi delle persone colpite, l'età dei tarantati e alcuni aneddoti. Fornisce poi ulteriori dettagli sulla propria esperienza di possessione, l'euforia provocata dalla danza, la lucidità mentale durante la possessione; poi ricorda la forma di tarantella suonata (cilentana), la necessità di ballare senza scarpe e il caso di uno zio morso dalla taranta.

  • Durata 07:51
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Filomena Serra, Luigi Serrella: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino di 83 anni, ricorda gli otto giorni di malessere e di danza vissuti a causa dal morso della tarantola. Inoltre descrive vari tipi di tarantole esistenti e le cause della riduzione di casi di tarantolismo negli ultimi anni.

  • Durata 06:35
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Francesco Guglielmotti: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, di 79 anni, ricorda l’episodio di tarantismo di cui fu vittima il marito, il contesto del morso, gli effetti del veleno, la personificazione della tarantola (Donna Alessandrina della Spagna), la degenza a letto e le cure mediche. Inoltre, è narrato il caso del fratello, anch’egli vittima di tarantismo a Roccadaspide, le forme e gli effetti del male risolto attraverso i "suoni" e il ballo. L’informatrice ricorda anche il caso di un bambino di cinque anni morso dalla tarantola che doveva essere cullato notte e giorno.

    Data: 1976

  • Durata 07:41
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Sinforosa S.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore ricorda i postumi e gli effetti della possessione, parla della ricerca di senso dell’esperienza vissuta, della necessità di ballare in un determinato momento del giorno, della convocazione di un suonatore di fisarmonica della zona.

    Data: 1975

  • Durata 02:44
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Università di Salerno

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene informazioni sui casi di tarantismo avvenuti nella famiglia dell’informatrice, i differenti sintomi ed effetti, le varie conseguenze e i postumi della possessione. L’informatrice parla nel finale della difficile esperienza personale di matrimonio, del complicato rapporto coniugale privato e della perdita del marito.

    Data: 1976

  • Durata 07:57
  • Luogo Giungano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelina M.: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore parla della seconda volta in cui è stato pizzicato dalla tarantola all’età di trentacinque anni: descrive il contesto, l’occasione, la metodologia di attacco del ragno, il punto in cui è stato pizzicato, l’azione del veleno, i fremiti e le conseguenze del morso. Sono descritte le differenze rispetto alla prima esperienza di tarantismo, i diversi effetti del veleno. L’informatore precisa in quali momenti della giornata le tarantole preferiscono pizzicare, descrivendo anche aspetti caratteriali e umorali dei ragni; sono elencate anche alcune differenze tra i trumientë maschi e femmine.

    Data: 1976

  • Durata 05:29
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma musicale in maggiore e tempo in tre quarti.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 01:38
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: organetto, Alberigo Postiglione: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene il racconto di un caso di tarantismo verificatosi a Capaccio del quale fu vittima un giovane uomo colpito da forti dolori alla vescica. Si narra anche della conoscenza di altri casi di tarantolismo nei paesi limitrofi. Nel finale le descrizioni di alcune specie di tarantole.

  • Durata 03:57
  • Data Sabato, 12 Giugno 1976
  • Luogo Battipaglia
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Caruso Ida: voce, Santomauro Angela: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice ricorda un episodio di tarantismo del quale fu testimone. Nel racconto si narra che la vittima fu pizzicata di notte in mezzo ai campi, dopo ventiquattro ore di stati alterati di coscienza, inedia e apatia, fu convocato un medico che ordinò al malato il riposo assoluto. L’informatrice fornisce anche una descrizione della tarantola, parla dei luoghi dov’è possibile trovarla e delle stagioni in cui i ragni prolificano.

    Data: 1975

  • Durata 04:41
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Università di Salerno

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La sequenza raccoglie una lunga intervista a più voci, con la testimonianza di alcune donne del luogo che ricordano tre casi di tarantismo avvenuti a Capaccio.

    Data: 1976

  • Durata 09:00
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonime: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata nel 1925, narra la storia e la vicenda umana della sorella morta in giovane età. Nel finale l’informatrice accenna la narrazione della trama della favola di Favetta. La registrazione è interrotta.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 09:05
  • Luogo Contursi Terme
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Gerardina Brogna: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori riferiscono su altre zone limitrofe conosciute per la diffusione del tarantismo, commentano questioni economiche e lavorative, riconoscono i cambiamenti avvenuti nell'agricoltura dopo l'inserimento di diserbanti e pesticidi chimici, sottolineano l'abilità dei musicisti; Luigi Serrella, infine, ricorda il proprio apprendistato come suonatore di organetto.

  • Durata 03:17
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Filomena Serra, Luigi Serrella: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina di 84 anni, narra l’episodio di tarantolismo del quale fu vittima la figlia Graziella. Il morso della tarantola si verificò nell’agosto del 1931 mentre Graziella puliva delle carote, all’età di 12 anni. Nella registrazione si accenna al caso del padre di Nunziata, anch’egli morsicato dalla tarantola. L’informatrice narra i sintomi del malessere della figlia e la richiesta dei "suoni" per risolvere la crisi, la convocazione dei suonatori con fisarmonica e chitarra, l’inefficacia della danza regolare per giorni e il successivo impiego della culla e del dondolio per sciogliere la possessione. Nell’intervista sono nominati altri casi di tarantolati e descritti alcuni tipi di tarantole.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 25:12
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Nunziata Di Rosa: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori spiegano le differenze tra tarantole e vipere, gli effetti dei differenti veleni, gli habitat, le conseguenze determinate dai morsi. La registrazione contiene anche informazioni su alcuni musicisti del luogo che suonavano per i tarantolati.

  • Durata 03:29
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Annunziata D’Angelo: voce, Rosario Antonio Careone: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, di 46 anni, ricorda l’esperienza di tarantismo del quale fu vittima da bambino in zona Tempalta – Roccadaspide. Parla degli otto giorni di malessere e possessione subiti, la necessità di ballare, i postumi del morso, lo "strano" rapporto con i "suoni", l’apprendimento e la pratica dell’organetto. Un’altra testimonianza dell’informatore è presente in questa raccolta al brano 03.

    Data: 1976

  • Durata 08:04
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, suonatore di organetto nato nel 1915, narra la sua storia di vita con riferimento in particolar modo alla tragedia vissuta durante il periodo della Seconda guerra mondiale. Inoltre, riferisce alcune storie e informazioni indirette sulle tarantole; afferma di non aver mai assistito personalmente ad episodi di tarantolismo.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 07:56
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorga: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice ricorda il proprio caso di tarantismo, l’occasione del morso, gli effetti del veleno, la necessità di essere cullata e di ballare, l’inefficacia dell’antidoto e delle cure mediche, i colori della tarantola, la convocazione dei suonatori.

    Data: 1976

  • Durata 10:43
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore D’Angelo: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Intervista a più voci realizzata con alcune donne del luogo che riferiscono informazioni su persone e fatti legati al tarantismo. Sono spiegate le differenze tra tipi di tarantole, gli habitat e i colori dei ragni. Una delle donne ricorda il caso della madre morsa dalla tarantola, gli effetti del male e la necessità di essere cullata.

    Data: 1976

  • Durata 15:02
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonime: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma musicale in maggiore utilizzata come accompagnamento per il ballo.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 01:20
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: organetto, Alberigo Postiglione: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore parla delle possibilità di essere guariti tramite ‘nciarmë (formule apotropaiche per togliere il malocchio o curare alcuni malesseri), conferma, come molte altre testimonianze sul tarantismo in Campania, l’utilizzo di acqua minerale come unico palliativo alle crisi. Durante l’intervista si distinguono gli interventi della moglie dell’informatore che recita alcune formule per curare diversi dolori (‘ncirmë). Nel finale l’interlocutore chiarisce la differenza tra ballare e contorcersi per i dolori dati dal veleno. Diverse le informazioni sparse nell’intervista sullo ’ncermà (curare il pizzico del ragno senza subirne la possessione).

    Data: 1976

  • Durata 03:57
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione include informazioni sulla grotta della Madonna della Neve, sul territorio di Piaggine e la leggenda del ritrovamento della Madonna. Inoltre sono spiegate le differenze con il pellegrinaggio che parte da Sanza.

  • Durata 04:03
  • Data Giovedì, 05 Agosto 1976
  • Luogo Piaggine (Monte Cervati)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di accompagnamento in maggiore utilizzata per il canto di stornelli alla cilentana.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 02:31
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: organetto, Alberigo Postiglione: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene informazioni sulle differenti cure mediche utilizzate rispetto al passato per i morsi di animali velenosi. L’informatrice spiega che "gli animali sono sempre gli stessi" mentre i rimedi e le cure sono cambiati. Inoltre, sono espressi pensieri e opinioni sulle differenti condizioni di vita rispetto al passato, in particolar modo sulla maggiore medicalizzazione della società moderna.

  • Durata 12:10
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Annunziata D’Angelo: voce, Rosario Antonio Careone: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina di 62 anni, narra la propria esperienza di tarantolismo all’età di 18 anni, durante la mietitura. Sono descritti l’episodio e il ragno, i sintomi del malessere, gli effetti del veleno, il luogo nel quale si è verificato l’episodio (contrada Lauro). Sono narrati anche gli stati di agitazione continua, la sudorazione copiosa, l’inappetenza e l’impossibilità di bere, il periodo di convalescenza, i dolori, la durata degli effetti del morso della tarantola e della possessione. L’informatrice spiega di non aver avuto bisogno di "suoni", né di sentire la necessità di ballare. Nel finale l’informatrice parla di un pellegrinaggio al quale ha partecipato nei giorni precedenti l’intervista.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 16:19
  • Luogo Contursi Terme
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Carmela: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, di 67 anni, fornisce notizie sulla locale festa di San Vito, sulle tarantole e gli effetti del morso.

     

  • Durata 03:44
  • Data Venerdì, 30 Luglio 1976
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Carmine Pagano: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina di 54 anni, narra la propria esperienza di tarantismo avvenuta in campagna durante la battitura dei ceci all’età di 28-29 anni. Sono ricordati i sintomi e gli effetti del veleno, la personificazione della tarantola ("era moglie di un capitano… vestita con una veste piena di fiori"), il ballo per una sera, il saluto della tarantola e i postumi della possessione durata otto giorni, il tabù di ammazzare la tarantola, la fascinazione per i fiori e i suoni, le caratteristiche fisiche e cromatiche della tarantola, altri casi di tarantolismo avvenuti nei paraggi. La registrazione è interrotta.

    Data: 1976

  • Durata 11:07
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Maria De Leo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata nel 1906, narra la propria esperienza di tarantismo avvenuta trenta anni prima a Paestum mentre raccoglieva fagioli. Sono ricordati: il morso della tarantola, la durata del male, la necessità di ballare, "sfrenesiare", per una notte intera, gli effetti del veleno (dell’informatrice la definizione che dà il titolo al testo curato da Annabella Rossi sul tarantismo Campano, Il mondo di fece giallo).

    Data: 1976

  • Durata 06:03
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Rosaria D.: voce
  • Autore Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino e autista di anni 40, vittima del morso di una tarantola nel giorno di San Pietro e Paolo, il 29 giugno 1947-1948, narra la propria esperienza di possessione, i sintomi, gli effetti del veleno e il decorso del male. Il signor Domenico spiega di esser stato pizzicato per vendetta, in seguito all’uccisione di una tarantola da parte del padre; inoltre, parla dell’inefficacia delle cure mediche somministrate dal dottore. Nella registrazione sono narrate anche alcune visioni avute dall’informatore durante la degenza, con la spiegazione di alcune immagini e frasi ascoltate durante la malattia. L’informatore ricorda l’invocazione dei suoni, la necessità di ballare e l’improvviso sviluppo delle capacità di cucire e ricamare nel periodo di possessione. Si narra anche dell’esistenza di gruppi di tarante e di gerarchie tra tarante. Il caso è ampiamente trattato nel testo curato da Annabella Rossi E il mondo si fece giallo per la pratica del travestimento.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 14:27
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Salzano Domenico: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice narra la propria vicenda e ricorda gli effetti della possessione, le visioni e la risoluzione del male. Sono presentati anche altri casi di tarantismo avvenuti in famiglia. Durante la possessione l’informatrice ricorda di aver girato diversi luoghi a cavallo, mentre la madre, il cognato e il fratello infante dovevano essere cullati. Nel caso della madre non si trovò soluzione alla crisi e la donna venne portata in manicomio dove morì nove anni dopo. L’informatrice è documentata anche nella raccolta di Rossi, Bassano e Ciambelli – Giungano 1976.

    Data: 1976

  • Durata 11:49
  • Luogo Giungano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelina M.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, impiegato e contadino, suonatore (cieco) di mandolino e fisarmonica di 56 anni, narra la sua esperienza di terapeuta per i tarantolati. Nell’intervista sono presenti anche alcuni interventi del padre di Antonio, di 84 anni. Si ricordano episodi di tarantolismo ed esecuzioni musicali di circa quindici anni prima.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 04:19
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio C.: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene informazioni sulla tradizione delle cente, composizioni di doni e candele, e il loro significato.

  • Durata 01:33
  • Data Giovedì, 05 Agosto 1976
  • Luogo Piaggine (Monte Cervati)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori descrivono le azioni di alcuni tarantati durante le crisi di possessione. Vengono indicati i periodi dell’anno in cui è più facile essere pizzicati, le conseguenze del morso e delle crisi che portano nel tempo a soffrire di polmonite. Inoltre, sono descritte le condizioni climatiche e ambientali nella quali si riproducono e presentano le tarantole.

    Data: 1976

  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto di sessantacinque anni, esegue una tarantella in maggiore utilizzata anche nei riti di tarantismo.

  • Durata 01:17
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: voce e organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori ricordano alcuni casi di tarantismo avvenuti nell’area di Fasani, fornendo nomi e aneddoti conosciuti dalla comunità locale. Ricordano vicini di casa e parenti che hanno vissuto l’esperienza della possessione del tarantismo; i periodi di "rabbia della tarantola", da luglio a settembre, causata dalla scarsezza di acqua. L’interlocutore narra anche dei postumi del pizzico di tarantola che possono causare la polmonite.

    Data: 1976

  • Durata 01:02
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione, realizzata in casa di Minicuccio M., raccoglie la testimonianza di una donna che ricorda il morso di tarantola del quale fu vittima il marito. Dopo essersi rivolti ad un dottore di Capaccio, senza trovare alcuna soluzione allo stato continuo di agitazione, l’uomo fu costretto al ricovero in ospedale per diversi giorni. In conclusione è ricordato il caso di una donna di Capaccio che ballava senza "suoni" e "parlava civile" (glossolalia).

    Data: 1976

  • Durata 09:49
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Concetta M.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, giardiniere di 90 anni, ricorda alcuni episodi di vita, in particolare vicende legate al periodo della Prima guerra mondiale.

  • Durata 03:46
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Campi: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatrice, di cinquantaquattro anni, parla della propria esperienza di tarantismo, del contesto nel quale è stata pizzicata, degli effetti del morso, dei postumi che ancora subisce in determinati periodi dell'anno.

  • Durata 02:32
  • Data Sabato, 17 Luglio 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Maria De Leo: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata nel 1906, narra la propria esperienza di tarantismo, gli effetti del male e la necessità di cantare e ballare.

    Data: 1976

  • Durata 01:16
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Rosaria D.: voce, marito di Rosaria: voce
  • Autore Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano, Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene la narrazione di un altro caso di tarantismo verificatosi a Capaccio: l’uomo pizzicato fu costretto a correre per giorni. In seguito, l’informatore riprende la relazione del proprio caso di tarantismo con ulteriori dettagli sul morso e gli effetti del dolore. La registrazione include, inoltre, il racconto di un ulteriore episodio di tarantismo del quale fu vittima un conoscente dell’informatore, colpito alla vescica dagli effetti del morso della tarantola (l’episodio è riportato anche da altri informatori).

    Data: Giugno 1976

  • Durata 04:18
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Salzano Domenico: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino nato nel 1925, narra la sua esperienza di possessione e del morso della tarantola durante la raccolta dei sassi a Campagna (Sa), dieci anni prima dell’intervista. L’informatore ricorda l’evento, accaduto in agosto, gli effetti del veleno, i dolori, lo stato di agitazione e di insofferenza continua. Dice di non aver sentito la necessità di ballare o di ascoltare "suoni" ma il bisogno continuo di camminare e muoversi, di non sentire né la fame né la sete, perché, spiega, durante la crisi è "sospesa la vita". Nel finale è descritta la tarantola e il periodo in cui è più facile trovarla tra l’erba e i sassi. Inoltre, l’informatore parla di altri animali velenosi che si possono trovare in campagna, della loro scomparsa collegata alla modernizzazione dell’agricoltura.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 14:19
  • Luogo Contursi Terme (frazione di Templa San Nicola)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Vito Margarella: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, suonatore di organetto nato nel 1915, fornisce notizie sulle varie forme di tarantella da lui conosciute ed eseguite, sulle funzioni e occasioni d’uso. Inoltre, l’intervista include informazioni sul pellegrinaggio alla Madonna del Monte (Novi Velia, Vallo della Lucania) al quale partecipava come devoto e suonatore.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 04:20
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorga: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene informazioni sulle tipologie di tarantole, sugli effetti del morso e le azioni dei tarantolati durante la possessione, i luoghi dove si trovavano le tarantole, alcuni casi di tarantolismo avvenuti nei paraggi.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 05:49
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio C.: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice ricorda il caso di un uomo di Altavilla Silentina morsicato dalla tarantola. La registrazione è interrotta.

    Data: Agosto 1976

  • Durata 01:55
  • Luogo Matinella (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto di sessantacinque anni, esegue una mazurka in maggiore utilizzata anche nei riti di tarantismo.

  • Durata 01:40
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene la presentazione e l’esecuzione di una forma musicale in maggiore utilizzata per l’accompagnamento della danza.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 03:00
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: organetto, Alberigo Postiglione: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori forniscono descrizioni sui caratteri fisici e umorali delle tarantole: descrivono il ragno realizzando un disegno che commentano agli autori, parlando nello specifico di alcune parti del corpo del ragno e delle loro caratteristiche funzionali; riferiscono inoltre di altri casi di tarantismo verificatisi nella stessa area.

    Data: 1976

  • Durata 03:37
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto di sessantacinque anni, interpreta la nota canzone napoletana 'O surdato 'nnammurato.

  • Durata 01:27
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La breve registrazione è il frammento di un’intervista sul tarantismo interrotta.

    Data: 1976

  • Durata 00:41
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, nato nel 1910, parla della propria esperienza di tarantismo vissuta all'età di quattro anni; ricorda che insieme a lui furono pizzicati anche la madre e il padre. Descrive i contesti in cui si poteva essere pizzicati durante la raccolta del grano, gli effetti del veleno, i periodi estivi nei quali è più facile entrare in contatto con i ragni. L'informatore parla del medico che lo curò, degli effetti del veleno nel sangue, della necessità di bere acqua senza tregua, degli stati fisici e umorali determinati dal morso. Il signor Domenico ricorda che non si trovava soluzione per il suo male e dovette recarsi a Salerno per accertamenti presso gli Ospedali Riuniti: nomina i primari che seguirono il suo caso e studiarono alcune tarantole catturate dalla sorella dell'informatore. Sono fornite ampie descrizioni del ragno e degli effetti causati dal veleno. Nel parlare del caso della madre l'informatore spiega che all'epoca si curava con suoni di fisarmonica e tarantella, inoltre, la madre era affetta da glossolalia parlando "civile" (l'italiano che non conosceva). La madre del signor Domenico durante la possessione diceva di chiamarsi "Regina Giovanna dalla Spagna" e andava da alcune signore benestanti della zona a chiedere in prestito indumenti eleganti. In conclusione l'informatore parla del caso di un cugino del padre (Andrea) morso a diciotto anni, e del ripresentarsi dei sintomi del male ogni anno nelle stesse date per alcuni anni.

  • Durata 13:16
  • Data Giovedì, 19 Agosto 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Domenico Marino: voce
  • Autore Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore parla di alcune specie di animali velenosi che possono incontrarsi in campagna e delle peculiarità della tarantola, del morso e del veleno. Inoltre, la registrazione contiene alcuni pensieri dell’informatore sullo sfruttamento della terra da parte dell’uomo e le differenti pratiche agricole rispetto al passato. Nel finale Margarella narra episodi della sua storia di vita, parla della famiglia, del lavoro di agricoltore, dei postumi del morso della tarantola, del destino e della propria visione della natura.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 14:54
  • Luogo Contursi Terme (frazione di Templa San Nicola)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Vito Margarella: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una testimonianza storica dell’informatore, suonatore di organetto e contadino nato nel 1902, sull’avvento dei moderni mezzi di trasporto e di comunicazione, sulle differenze tra gli strumenti musicali e le musiche del passato rispetto a strumenti e musiche moderni. Inoltre, l’informatore ricorda le tecniche di lavoro utilizzate in passato per la raccolta del grano.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 06:40
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino di 84 anni originario di Paestum, narra la propria esperienza e conoscenza di animali velenosi, le peculiarità delle tarantole, il loro habitat, le caratteristiche cromatiche, le tipologie, le dimensioni, gli effetti del morso, i nomi che possono attribuirsi alle tarantole. L’informatore ricorda un caso di tarantolismo del quale fu testimone e spiega le maggiori probabilità di essere morsicati quando si era sudati. Sono presenti alcuni interventi della moglie dell’informatore. Nel finale è spiegata l’origine delle tarantole, il simbolismo mitico e la creazione delle tarantole ad opera di Gesù Cristo.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 06:58
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, un agricoltore di Gromola di 66 anni, ricorda la sua esperienza di militare a Nardò, in Salento, dove assistette ad un caso di tarantismo. Inoltre, narra la vicenda del nipote di Capaccio Scalo morso dalla tarantola; infine si ricordano alcuni nomi di vittime di tarantolismo.

    Data: Agosto 1976

  • Durata 07:14
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di tarantella in maggiore. La registrazione è interrotta in alcuni punti e nel finale.

    Data: luglio 1976

  • Durata 00:51
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Signor Pietro: organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di tarantella in maggiore.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 02:14
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorgo: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’intervista contiene informazioni sulle varie specie di tarantole, sulle peculiarità cromatiche, fisiche, e gli effetti dei vari tipi di veleno. Sono spiegate le differenze tra tarantole "piccole", "vecchie" e "signorine", in base all’età, i vari colori degli aracnidi, i periodi dell’anno in cui si trovano, i punti del corpo dove preferiscono pizzicare. Sono citati altri episodi e persone pizzicate dalle tarantole. Nel finale l’informatore riprende la narrazione del proprio caso, con altri dettagli, parlando del tabù di bere acqua durante le crisi, e dell’utilizzo di musiche moderne e non di tarantelle.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 15:45
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Salzano Domenico: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, nato nel 1910, parla della propria esperienza di possessione e tarantismo e di altri casi noti nella zona, come quello di Francesco Guglielmotti, descrivendo le dinamiche, i tempi e le singolari azioni compiute durante la possessione. Ricorda i momenti del ballo con la tarantella suonata da uno zio all'organetto; spiega che "non a tutti faceva lo stesso effetto", comparando i casi conosciuti e il proprio; inoltre fornisce un ampio resoconto di un'esperienza di possessione che colpì il padre in seguito ad un abuso di alcool, e nel finale riporta altri due casi di tarantismo del quale fu testimone, che videro coinvolti il signor Peppe C. e la signora Irene L. Il signor Domenico conclude affermando che "era un guaio quando mozzicava la tarantola: uno doveva fare festa", e spiega che in passato era necessario suonare per risolvere le crisi di tarantismo.

  • Durata 11:09
  • Data Giovedì, 19 Agosto 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Domenico Marino: voce
  • Autore Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino e autista di anni 40, vittima di tarantismo, parla degli effetti del morso della tarantola. Inoltre, sono ricordate le condizioni di vita in passato e alcune differenze con il presente.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 05:35
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Salzano Domenico: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una testimonianza storica dell’informatore, suonatore di organetto ed esecutore di serenate, su alcune usanze e pratiche sociali del passato.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 09:34
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Aniello Postiglione: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, impiegato e contadino, suonatore (cieco) di mandolino e fisarmonica di 56 anni, esprime la propria opinione sulla vita moderna, le differenze con il passato e i cambiamenti subentrati nel lavoro agricolo. La registrazione include una testimonianza del padre di Antonio che narra un morso di serpente del quale fu vittima.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 07:30
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio C. e padre: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto originario di Piaggine, ricorda le proprie esperienze di suonatore convocato per alcuni casi di tarantismo, descrivendo alcuni momenti e azioni dei tarantati durante le terapie coreutiche.

    Data: luglio 1976

  • Durata 01:16
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Signor Pietro: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene la testimonianza di un’informatrice su un caso di tarantolismo. Il morso, verificatosi durante la raccolta del tabacco nella campagna di Gromola, fu causato da una tarantola "signorina" che costrinse una donna a ballare per diversi giorni. Sono ricordati i sintomi e l’utilizzo di "suoni" per risolvere la crisi.

    Data: Agosto 1976

  • Durata 03:27
  • Luogo Gromola (frazione di Capaccio)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori parlano della potenza del veleno strettamente collegata alle dimensioni fisiche della tarantola.

    Data: 1976

  • Durata 01:05
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di un brano strumentale denominato dall’informatore polka.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 03:23
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorgo: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Interpretazione della nota canzone del repertorio nazional popolare.

  • Durata 00:58
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione è una sorta di simulazione e riproposizione dell’esperienza di possessione di una donna (il caso è narrato nel brano 06 di questa raccolta). Nella messa in scena sono riproposti il viaggio a cavallo e le frasi pronunciate durante la crisi di tarantismo. Probabilmente esistono un video o delle foto a completamento del documento sonoro.

    Data: 1976

  • Durata 03:23
  • Luogo Giungano
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelina M.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di un canto a distesa accompagnato con l'organetto; il testo risulta difficilmete comprensibile.

  • Durata 01:29
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: organetto e voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, di 47 anni, figlio di Aniello, narra un caso di tarantolismo per il quale è stato convocato a suonare l’organetto circa quindici anni prima a Matinella. Nell’intervista sono descritti: il luogo del morso, i sintomi, gli effetti del veleno, le peculiarità e differenze tra tarantole giovani e vecchie, la necessità di ballare per otto giorni. Un altro caso ricordato dall’informatore, verificatosi ad Albanella, riguarda una tarantolata che pianse per otto giorni. L’informatore spiega che nel caso della donna di Matinella non si trattava di malessere ma di "puro divertimento", la donna non riusciva a star ferma ma doveva cantare e ballare sulle tarantelle cilentane.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 07:20
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Alberigo Postiglione: voce, Aniello Postiglione: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore parla delle tarantole proponendo interpretazioni e ipotesi sulla maggior presenza degli animali in annate più calde, della maggior diffusione prima dell'utilizzo di diserbanti e dell'avvio delle bonifiche; ricorda un caso di tarantismo che colpì la signora Maria De Leo, per la quale suonò una tarantella con l'organetto; cita anche due primari di Salerno che studiarono il suo caso e ricorda le ipotesi fatte dai dottori; in conclusione sottolinea che ogni animale ha un proprio contro veleno e specifici effetti sull'uomo.

  • Durata 05:27
  • Data Giovedì, 19 Agosto 1976
  • Luogo Trentinara
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Domenico Marino: voce
  • Autore Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino di ottantatre anni, ricorda l’episodio di tarantolismo del quale è stato vittima all’età di venticinque-ventisei anni. Nella registrazione sono ricordati: il contesto e l’occasione del morso; il punto del morso (dietro l’orecchio); lo stato di agitazione e inquietudine continua; la diagnosi di una amico già vittima di tarantolismo; la terapia consigliata (tramite sfregamento di oggetti d’oro); la perdita di sensi; la soluzione attraverso la danza regolare per otto giorni. La tarantola, di nome Donna Giovannina, personificava una giovane ballerina di teatro che imponeva di ballare e visitava l’informatore durante il sonno. Sono altresì presenti informazioni sulla prestazione dei suonatori, gli strumenti e le musiche suonate, la lauta ricompensa in cibo e vino, infine, la conoscenza e il ricordo di altri casi di tarantismo verificatisi nei paraggi. Nel finale l’informatore parla della sua malattia e della condizione di degenza a letto. L’informatore e la propria vicenda sono documentati anche nella raccolta di Aurora Milillo Capaccio 1976 (brani 03 e 04).

  • Durata 12:18
  • Data Lunedì, 14 Giugno 1976
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Francesco Guglielmotti: voce.
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, contadino di ottantatre anni, ricorda l’episodio di tarantolismo del quale è stato vittima all’età di venticinque-ventisei anni. Nella registrazione sono ricordati: il contesto e l’occasione del morso; il punto del morso (dietro l’orecchio); lo stato di agitazione e inquietudine continua; la diagnosi di una amico già vittima di tarantolismo; la terapia consigliata (tramite sfregamento di oggetti d’oro); la perdita di sensi; la soluzione attraverso la danza regolare per otto giorni. La tarantola, di nome Donna Giovannina, personificava una giovane ballerina di teatro che imponeva di ballare e visitava l’informatore durante il sonno. Sono altresì presenti informazioni sulla prestazione dei suonatori, gli strumenti e le musiche suonate, la lauta ricompensa in cibo e vino, infine, la conoscenza e il ricordo di altri casi di tarantismo verificatisi nei paraggi. Nel finale l’informatore parla della sua malattia e della condizione di degenza a letto. L’informatore e la propria vicenda sono documentati anche nella raccolta di Aurora Milillo Capaccio 1976 (brani 03 e 04).

    Data: agosto 1976

  • Durata 20:24
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Francesco Guglielmotti: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, impiegato e contadino, suonatore (cieco) di mandolino e fisarmonica di 56 anni, spiega le differenze nelle tecniche e nel lavoro in campagna rispetto al passato. L’intervista include anche una testimonianza sui gusti musicali, il repertorio eseguito dall’informatore suonatore di fisarmonica e mandolino, la possibilità di leggere la musica con l’alfabeto Braille.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 04:57
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio C.: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene informazioni sulla festa di San Donato, il culto del santo, la tradizione delle cente (composizioni di ceri). L’intervista tratta anche la casistica dell’epilessia nell’area e il legame con la devozione a San Donato.

    Data: Agosto 1976

  • Durata 07:05
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore esegue una forma di accompagnamento maggiore in tre quarti. Nel finale spiega che la forma musicale non era utilizzata per accompagnare la danza e denomina il brano in tre modi: canti alla cilentana, canto cilentano, pastorale cilentana (quest’ultima denominazione è stata preferita perché non sono presenti forme di canto nell’esecuzione).

    Data: Luglio 1976

  • Durata 04:05
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorgo: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori spiegano il legame nella cultura locale tra la figura di San Vito e la cura della rabbia; inoltre, espongono la propria visione sulle capacità curative del santo e su alcune credenze locali.

    Data: 1976

  • Durata 02:37
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di valzer in maggiore.

    Data: luglio 1976

  • Durata 00:43
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Signor Pietro: organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    La registrazione contiene una ripresa della fonosfera della festa di San Donato, con l’esecuzione di un canto devozionale, le testimonianze e i commenti sparsi di alcuni fedeli.

    Data: Agosto 1976

  • Durata 08:55
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci miste
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Nell’intervista sono descritte alcune specie di aspidi velenosi che possono trovarsi nella campagna cilentana. Gli informatori parlano della conoscenza di persone nate il giorno di San Paolo con poteri straordinari nel controllare e addomesticare serpenti. Inoltre, sono descritte le figure del lupe bulmënare (lupo mannaro) e del licantropismo che colpisce uomini nati alla mezzanotte del giorno di Natale, e delle magare, signore anziane con poteri magici fascinatori e rituali notturni.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 12:47
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Alberigo Postiglione: voce, Aniello Postiglione: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, pastore di settant'anni originario di Piaggine, parla di come si curava il morso della tarantola nella Piana del Sele con l'utilizzo di vino caldo "naturale" (fatto in casa), dell'equilibrio tra generi nella casistica dei tarantati, degli effetti differenti provocati dal morso in base alla tarantola che pizzicava ("c’è la tarantola che piange, quella che dorme, quella che balla.."), della necessità di sudare copiosamente per espellere il male. Gli informatori spiegano che i tarantati nella Piana, a differenza di altre aree, ballavano sempre soli e mai in coppia; poi concludono affermando che: "prima praticamente gliela levavano così: lo ubriacavano e poi lo facevano ballare".

  • Durata 07:59
  • Data Sabato, 21 Agosto 1976
  • Luogo Gromola (vicino Foce Sele)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Francesco Pipolo e sua moglie: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, agricoltore di settantasette anni, narra la propria storia di vita con particolare riferimento al periodo della Prima guerra mondiale. Sono inoltre descritte le varie tipologie di tarantole presenti nell’area, i luoghi e le occasioni dove potevano incontrarsi, le dimensioni, la recente estinzione causata da diserbanti e veleni. L’informatore ricorda il caso della moglie morsa quindici anni prima da una tarantola.

    Data: agosto 1976

  • Durata 07:32
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Antonio A.: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto originario di Piaggine, ricorda gli stati di coscienza, umorali e fisici dei tarantati per i quali suonava; riferisce sul contesto domestico in cui si svolgevano le sedute terapeutiche, sulle azioni e i gesti compiuti durante la danza di possessione. Inoltre, parla della diffusione del tarantismo a Piaggine e degli spostamenti a piedi per andare a lavorare o a suonare nella piana di Paestum. In conclusione spiega che molti tarantati erano "ubriacati" prima di iniziare a ballare.

    Data: luglio 1976

  • Durata 07:44
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Signor Pietro: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto di sessantacinque anni, presenta il proprio repertorio musicale poi esegue una forma di tarantella in maggiore.

  • Durata 01:54
  • Data Martedì, 20 Luglio 1976
  • Luogo Tempalta (fraz. di Roccadaspide)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Luigi Serrella: voce e organetto
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma musicale maggiore in tre quarti.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 02:34
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorgo: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, muratore e reduce di guerra, nato a Capaccio l’11 dicembre 1897, narra la sua storia di vita con particolare riferimento ai ricordi della Prima guerra mondiale.

    Data: Giugno 1976

  • Durata 16:26
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Aurora Milillo

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma musicale in maggiore con tempo in tre quarti. Il brano è presentato dall’informatore con il nome di "canzone".

    Data: Luglio 1976

  • Durata 01:39
  • Luogo Borgo San Cesareo (frazione di Albanella)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Alberigo Postiglione: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice, contadina nata nel 1901, narra l’esperienza del morso di una tarantola, i sintomi e il ricorso alle cure di un medico con l’utilizzo di un antidoto.

    Data: agosto 1976

  • Durata 01:37
  • Luogo Capaccio (Madonna del Granato)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore riferisce sul trumiento (tarantola) e sulla forma di possessione determinata dal morso del ragno. L’intervista contiene notizie sulla diffusione del male, poi segue una polemica dell’informatore con l’autrice e una serie di invettive e denuncie rivolte più in generale ai giornalisti e all’ordine costituito.

    Data: 1975

  • Durata 17:44
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore parla della Piana di Paestum, delle colture che si piantarono dopo la bonifica e il disboscamento, delle condizioni sociali ed economiche delle comunità che abitavano la piana, della diffusione della pastorizia.

    Data: luglio 1976

  • Durata 04:14
  • Luogo Capaccio
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Signor Pietro: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di tarantella in maggiore.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 03:01
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorgo: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore accompagna gli autori in una grotta dove fu rinvenuta la Madonna della Neve mostrando e commentando la storia e le vicissitudini della statua sacra.

    Data: Agosto 1976

  • Durata 06:48
  • Luogo Piaggine (Monte Cervati)
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore parla del tarantismo contestualizzando il fenomeno in senso storico e politico; poi commenta la situazione sociale e culturale del luogo esprimendo opinioni e giudizi sulla situazione politica nazionale e locale.

    Data: 1975

  • Durata 03:56
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimo: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Esecuzione di una forma di tarantella in maggiore. L'inizio della registrazione è sovra inciso.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 01:38
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorgo: organetto
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, suonatore di organetto nato nel 1915, riferisce sulle forme musicali utilizzate per curare i casi di tarantolismo, inoltre, ricorda due episodi di tarantolati per i quali è stato convocato e ha suonato per risolvere le crisi. Per il primo, verificatosi a Stio, vicino Vallo della Lucania, l’informatore ricorda l’episodio, i sintomi del male, la mascolinità della tarantola, la risoluzione attraverso il ballo. Il secondo caso, spiega l’informatore, si verificò a Castelcivita nel 1937: la tarantola era femmina, di nome Gelsomina, la vittima del morso, una donna di nome Lena, risolse la crisi attraverso il ballo regolare di giorni, le musiche eseguite furono tarantelle, cilentana e rocchese, polka e mazurka, sono inoltre ricordati i sintomi e le azioni della ragazza pizzicata.

    Data: Luglio 1976

  • Durata 11:36
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorga: voce
  • Autore Annabella Rossi, Enzo Bassano, Patrizia Ciambelli

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    Gli informatori ricordano alcuni casi di tarantismo, gli effetti del morso, le peculiarità fisiche della tarantola, i periodi dell’anno nei quali si verificano maggiormente casi di tarantismo, la diffusione e le modalità di cura.

    Data: 1975

  • Durata 04:49
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Anonimi: voci
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L'informatore, suonatore di organetto e agricoltore nato nel 1915, ricorda il caso di una tarantata per la quale fu convocato a suonare nel 1958/1958; racconta i tre giorni di terapia coreutica, gli effetti del malessere, le esecuzioni musicali: ricorda che la donna sosteneva di essere posseduta da una tarantola che si manifestava con il nome di Margherita; narra la storia di vita della donna di venticinque anni e madre di due figli. Inoltre, distingue tra forme di possessione maligne e benigne che si verificavano nell'area ed erano risolte con esorcismi e pellegrinaggi in luoghi sacri della zona; in conclusione parla del caso di Giuseppina Gonnella e del beato Alberto e della sua esperienza di contatto con la mistica.

    Data: luglio 1976

  • Durata 13:17
  • Luogo Roccadaspide
  • Provincia Salerno
  • Regione Campania
  • Esecutore Angelo Gorga: voce
  • Autore Annabella Rossi

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatore, agricoltore di settantuno anni, parla della propria esperienza di vita e di lavoro in campagna a partire dall’età di nove anni; inoltre, narra con la moglie alcuni aneddoti sottolineando le differenze rispetto al passato della vita lavorativa e familiare presente.

    Data: 1976

  • Durata 04:29
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano

  • Genere Audio
  • Audio

  • Descrizione

    L’informatrice recita formule apotropaiche (‘nciarmë) utilizzate per calmare dolori addominali, dolori di testa e malocchio. Gli interlocutori parlano del malocchio, dell’utilizzo e delle funzioni della fascinazione, inoltre, sono elencati una serie di dolori indotti dal malocchio e le azioni risolutive contro determinati malesseri. La velocità di registrazione non è costante e omogenea.

    Data: 1976

  • Durata 04:31
  • Luogo Fasani (fraz. di Sessa Aurunca)
  • Provincia Caserta
  • Regione Campania
  • Esecutore Giuseppe Di Dora, T. Audilia: voce
  • Autore Annabella Rossi, Patrizia Ciambelli, Enzo Bassano